Salta al contenuto principale

Il dio riflettente

Il dio riflettente
Autore
Traduzione di
Genere
Editore
Articolo di
"I bambini normali avevano un amico invisibile. Io ne avevo tre dozzine. Dovevo segnarmi i loro nomi per non dimenticarli". Lontano, il Giappone. Terra di radiazioni senza controllo, militari dallo sguardo freddo e dalla volontà di ferro, di mostri arcaici e spaventosi. La terra di Godzilla, e la terra d'origine di Matsuhiro Takei, ex bambino inventore e ora regista di film di arti marziali. Ma Mat ora è a Londra a cercare fondi per il suo nuovo progetto Stupidità terminale, e qui a Londra non c'è traccia di misticismo giappponese: ci sono in compenso la cinica manager ninfomane di una casa di distribuzione cinematografica, una teenager anoressica e filosofa che tenta di sedurre un rozzo metallaro, un lottatore di kung-fu turco e la sua famiglia disastrata, e il boyfriend di Mat che non vuole ammettere che il loro rapporto è finito e dà di matto...
Del termine 'capolavoro' si abusa spesso, come degli antibiotici. E per non contribuire a generare schiere di batteri resistenti agli antibiotici disponibili come per non contribuire a generare schiere di lettori incapaci di distinguere un buon libro da un elenco telefonico, la parsimonia è la regola. Solo che qui non resisto, mi scappa: Il dio riflettente è un capolavoro. Non fatevi ingannare dalla breve e cervellotica trama scritta qui sopra, che farebbe pensare ad un guazzabuglio nonsense congegnato ad arte: Javier Calvo (traduttore in Spagna di Ezra Pound, David Foster Wallace, J.M. Coetzee, Chuck Palahniuk e Patrick McGrath) è postmoderno vero, parole pesate col bilancino, talento estetico da urlo, ogni pagina una trovata da invidiare, un'idea da rigirarsi in bocca come un Chupa-Chups, e sono 320 pagine fitte. Poi l'anoressica Pola, che assoluta delizia. Ho preso una cotta per lei. E per questo romanzo.