Salta al contenuto principale

Il labirinto ai confini del mondo

Il labirinto ai confini del mondo

Anno del Signore 1229, gennaio, Seligenstadt. Nella basilica carolingia, in una stanza lontana dal dormitorio, l’inquisitore Konrad von Marburg è affacciato alla finestra. Aspetta un segno, una nuova chiamata alle armi nell’eterna lotta contro il Maligno. Data la situazione molto grave, ha già vergato due lettere, una in tedesco e l’altra in latino. La prima è indirizzata al langravio di Turingia, il signore di quelle terre, mentre la seconda a Sua Santità in persona, papa Gregorio IX. Le missive vertono principalmente su un nuovo culto luciferino che si sta diffondendo a macchia d’olio. Tutti gli indizi portano a un magister del culto di Toledo. Chiede quindi il permesso di estendere le indagini a sud della corona alpina. Una serie di delitti a sfondo astrale sta insanguinando l’Europa e von Marburg, nella sua foga di porre fine alla mattanza, si indirizza come a un possibile responsabile verso un magister medicinae cacciato dall’università di Notre Dame di nome Suger de Petit-Pont. Successivamente l’inquisitore però ritiene più calzante come l’assassino, anche in base alle sue informazioni preliminari raccolte durante le sue indagini, un antiquario giunto a Napoli per vendere una reliquia: Ignazio da Toledo. L’uomo dovrà fare di tutto pur di dimostrare la sua innocenza...

Marcello Simoni è un archeologo di formazione che ha lavorato molti anni come bibliotecario. È autore amato: questo thriller storico è il terzo capitolo dedicato all’antiquario Ignazio di Toledo dopo il suo lavoro d’esordio Il mercante di libri maledetti, che ha venduto oltre 500mila copie e ha vinto il sessantesimo Premio Bancarella, e La biblioteca perduta dell’alchimista. Anche in questo caso ci troviamo di fronte a un buon mix tra documentazione storica e invenzione letteraria, con personaggi ben caratterizzati e carismatici, su tutti certamente Ignazio, che si muovono all’interno di scenari illustri. L’antiquario accusato degli omicidi infatti, per poter provare la propria innocenza di fronte all’Inquisizione, viaggerà da Napoli fino in Sicilia, alla “Corte dei miracoli” di Federico II di Svevia. I colpi di scena non mancheranno nelle indagini di von Marburg per scoprire chi siano veramente i Luciferiani e che cosa debbano difendere di così tanto importante da uccidere chiunque si metta sulla loro strada.