Salta al contenuto principale

Il libro dei giochi

Il libro dei giochi

“La prossima volta che non sai cosa fare, invece di prendere automaticamente in mano il telefono, alza lo sguardo e prova a individuare il potenziale degli oggetti e delle parole attorno a te. Dalla noia nasce l’ispirazione, termine che deriva letteralmente da ‘inspirare’: prenderti un momento per ‘inspirare’ il mondo attorno a te e per considerarlo qualcosa con cui giocare”. Partendo da questo assunto, il libro raccoglie nei suoi sette capitoli, preceduti da un’ampia e spiritosa introduzione, una serie di proposte giocose che sono già potenzialmente a nostra disposizione nell’ambiente che ci circonda. La prima proposta consiste nel guardare agli oggetti comuni, tappi, cavatappi, bottiglie e quant’altro, come fossero oggetti d’arte, modificandoli magari in chiave surrealista e cambiando così (in meglio) il mondo attorno a noi. Il successivo, avvincente gioco è quello che si può fare con le parole, dai limerick ai cambi di lettera, ai nonsense, alle allitterazioni e chi più ne ha più ne metta. Seguono giochi di improvvisazione, da fare anche in compagnia: storie e storielle, narrazioni, trasposizioni emotive. Vengono poi esaminate le infinite possibilità dei giochi di ruolo, a partire dalla mai troppo esplorata capacità e creatività dei bambini: inventare il seguito delle fiabe, immaginare mostri, mettersi nei panni altrui, mimare sono le proposte coinvolgenti di Rosen. E poi altri giochi, all’insegna della capacità di trasformare qualcosa di banale in qualcosa di unico e interessante. Ed ecco nascere lande sabbiose e inesplorate dal porridge e slanciati grattacieli dai cubetti di ghiaccio, berretti di varia foggia dalla carta di giornale e curiose miniature dal cartone, per fare solo qualche esempio…

Il saggio di Michael Rosen, romanziere, sceneggiatore e poeta tra i più apprezzati nel Regno Unito, nasce dalla convinzione che giocare è un’attività fondamentale per ogni essere umano, grande o piccino che sia. Il gioco, infatti, mette in relazione con il mondo che ci circonda, stimola a cercare (e trovare) soluzioni nuove, più funzionali e inedite a problemi diversi, accresce l’immaginazione e, soprattutto, offre nuovi spazi alla mente e apre alla dimensione del divertimento, luce e sentiero per vivere meglio ogni giorno. I giochi dei quali parla l’autore non sono dunque del tipo che si acquista e si accumula, ma sono costituiti da tutto ciò che ci circonda e che usiamo abitualmente, oggetti, parole o abitudini che siano. L’importante è alzare lo sguardo e lasciare vagare il pensiero con la massima libertà: “Possiamo immaginarci come esploratori della mente, archeologi dei ricordi, impegnati a recuperare tutto quel che troviamo e a rigirarcelo tra le mani, giocando con il motivo per cui si trova lì e cosa possiamo farci”, afferma convinto Rosen. Per questo motivo il libro è adatto a persone di ogni età, basta che abbiano voglia di usare la fantasia e, quando è possibile, di giocare in compagnia.