Salta al contenuto principale

Il maialino di Natale

ilmaialinodinatale

Lino è un maialino di pezza, morbido, con piccole palline di plastica nella pancia. Ha sempre vissuto con Jack e con lui condiviso ogni momento. All’inizio era rosa salmone, ma poi col tempo e con i tanti lavaggi è diventato grigiastro, non ha più gli stessi occhi di una volta, al loro posto ci sono due bottoni e una delle orecchie è più secca e lunga. Ma il suo fascino è sempre lo stesso, anzi col passare degli anni Lino ha assunto anche un odore familiare e rassicurante che sa di casa, di mamma, di giorni condivisi. Adesso che la vita di Jack è profondamente cambiata ha ancora più bisogno di lui: una nuova città, una nuova scuola, nuovi compagni e soprattutto nuove giornate senza il papà che adesso abita in una casa diversa, distante da loro. Ma con Lino al suo fianco Jack sente di poter superare ogni ostacolo ed è per questo che quando - durante una discussione con la figlia del nuovo compagno di sua madre - Lino viene gettato dal finestrino dell’auto in corsa, non si darà più pace. Non serviranno a niente le rassicurazioni del nonno, le scuse della ragazza, il Natale alle porte e la promessa dei regali nuovi, il vuoto lasciato da Lino non è colmabile tantomeno dal maialino di pezza che gli è stato prontamente regalato come rimpiazzo. Ma quello che non può sapere Jack che proprio quel maialino nella notte più magica dell’anno lo accompagnerà in un viaggio alla ricerca di Lino, nella Terra delle cose Perdute...

Un romanzo straordinario quello che la scrittrice britannica J. K. Rowling ci regala, una favola tra le più commuoventi da mettere sotto l’albero di Natale, un libro da leggere davanti ad un camino acceso o quando il mondo attorno a noi sembra aver perso i suoi soliti colori. Lo fa con sapienza, mestiere certo - lei che con le avventure di Harry Potter di cui quest’anno cade il ventennale ha venduto oltre cinquecento milioni di copie - e lo fa dopo molto tempo perché come lei stessa scrive ha impiegato diversi anni a scrivere questa storia che ha un posto speciale nel suo cuore. Un libro prezioso non solo per i più piccoli - che qui hanno la possibilità di confrontarsi con temi giganteschi come la perdita, il distacco - ma anche per i più grandi, che hanno la possibilità di ritrovarsi bambini trascinati in una delle più belle favole di Natale mai scritte, ben valorizzata dalle raffinate illustrazioni di Jim Field. E se l’hanno scorso L’ickabog (l’enorme ricavato delle vendite è stato devoluto in beneficienza, va ricordato) aveva conquistato il cuore di molti, Il maialino di Natale conquisterà quello di tutti.