Salta al contenuto principale

Il mio primo libro del cosmo

ilmioprimolibrodelcosmo

Che le cose cadano per terra lo sappiamo tutti. Succede perché esiste la gravità, una forza invisibile che trascina ogni corpo libero verso la superficie della Terra. E allora: come mai la Luna resta in cielo? Non tutti sanno che il nostro satellite prova costantemente a cascare verso di noi. Ce la mette tutta - anche se non si direbbe. Poi, fortunatamente, per una serie di cause legate alla velocità, resta in orbita, descrivendo una traiettoria curva, uguale a quella della Terra… Esistono però altri corpi che hanno delle regole molto particolari. La loro massa è molto concentrata, la gravità enorme e la velocità è simile a quella della luce, cioè 300mila chilometri al secondo. Sono i buchi neri. Anche loro attirano a sé tutto ciò che prova ad avvicinarglisi e, quando accade, l'effetto è potentissimo. I buchi neri intrappolano tutto, persino la luce, e ciò che succede al loro intero è tuttora un mistero… I segreti dell'Universo sono ancora tantissimi. Uno dei più affascinanti riguarda la materia oscura. Già il nome incute sospetti e timori, ma una donna molto coraggiosa e sapiente è riuscita a compiere indagini fondamentali per capirci qualcosa in più. Vera Rubin, che visse nel Novecento, era un'astronoma statunitense e osservava i movimenti delle stelle e delle galassie. Capì che tra una stella e l'altra e tra una galassia e l'altra era sempre presente un tipo di materia diversa. La chiamiamo oscura perché non sappiamo cosa sia. E nemmeno perché ci sia… Abbiamo intanto imparato a conoscere una miriade di tipi diversi di astri: il sole, le nane bianche, quelle rosse, le stelle supergiganti e quelle supergiganti blu, le nebulose e i pianeti, le galassie ellittiche, a spirali, lenticolari…

L'Universo esiste da 13 miliardi e 800 milioni di anni ma è possibile comprendere la sua storia utilizzando il “calendario cosmico”. Si tratta di un'invenzione di Carl Sagan, astronomo e popolare divulgatore, che rappresentò tutto quel tempo in un anno terrestre, cioè quello formato da 365 giorni. Ogni mese contiene oltre un milione di anni, un minuto cosmico vale 26mila anni e poco più, un secondo è pari a 437 anni. Così, se a Capodanno è avvenuto il Big Bang, a settembre si formeranno la Terra e la Luna e, dopo un trimestre, ecco la prima forma di vita con più di una cellula. E l'uomo? Occorrerà attendere fino alle ore 19 del 31 dicembre perché gli umani si distinguano dagli scimpanzé. E sbirciare l'era dell'esplorazione spaziale sarà possibile solo negli ultimi sessanta secondi di questo anno cosmico. Con questa trovata efficace e istruttiva, ci rendiamo conto di quanto noi Sapiens siamo “accessori”, rispetto alla gran massa di vita ed evoluzioni di vita dell'Universo. Eppure è toccata a noi soltanto l'avventura della scoperta del suo funzionamento, con teorie ed elaborazioni di leggi che in questo libro sono ben spiegate. Gli autori, un fisico e un illustratore, non si sono tirati indietro nell'affrontare temi complessi come lo spazio-tempo, la radiazione cosmica di fondo, gli esopianeti, la vita del sole, fino alle recentissime tecnologie per rilevare le onde gravitazionali. Il progetto, tradotto per Erickson, fa parte della collana di albi illustrati finalizzati alla diffusione delle discipline STEAM (Science, Technology, Engineering, Art, Mathematics), sotto la guida di un dr. Albert (Einstein) fumettoso, “frequentabile” anche dai bambini della scuola primaria.