Salta al contenuto principale

Il sogno di Eleonor

ilsognodieleonor

Eleonor ha quasi tredici anni e un sogno che coltiva fin da bambina: il ballo. Il ritmo e la musica ce li ha nel sangue, e solo quando balla si sente veramente se stessa e può credersi invincibile. Il resto del tempo è una ragazzina insicura appena trasferitasi da Milano sulla costa ligure, in cerca di nuovi indispensabili amici, di conferme, di nuovi stimoli. Mamma e papà hanno aperto un negozio di fiori a cui hanno dato il suo nome. Imbarazzante? Nulla se paragonato alla pessima figura rimediata di fronte al ragazzo più bello e intrigante su cui abbia mai posato gli occhi, Noah. Se poi ci sommiamo lo sguardo al veleno che le ha lanciato la ragazza più popolare della scuola appena lei ha messo piede in classe, si preannuncia un disastro stratosferico. Quella Priscilla sembra non avere difetti, ha il giusto taglio di capelli, il giusto look e soprattutto è popolare su TikTok e può contare su tantissimi follower…

Esiste qualcosa di più importante della notorietà sui social per un nativo degli anni duemila? Forse no, o forse per Eleonor alla fine la cosa più importante è davvero il ballo. Due cose che possono conciliarsi alla perfezione anche nella vita vera, come dimostra la giovane autrice di questo romanzo non poco autobiografico, ovvero Jennifer Preda - classe 2003, star di TikTok e ballerina convinta - che proprio grazie al social ha trovato notorietà e sostegno per alimentare la sua passione. Capitoli brevi e tono schietto e senza fronzoli, il tutto svolto in prima persona usando un linguaggio immediato e popolare come quello adoperato da chi frequenta il social più amato dai giovanissimi da cinque anni a questa parte. In questo caso abito e stile sono perfettamente intonati, e la lingua ben si accorda a un tema leggero ma di grande attualità. Dietro alle vicende di Eleonor si leggono in trasparenza il bisogno di sentirsi accettati, la paura di affrontare il giudizio altrui e le tipiche fobie che ogni tredicenne ha vissuto sulla propria pelle almeno un migliaio di volte. Uno sguardo sul fenomeno dei tiktoker da chi lo vive dall’interno e ne ha saputo fare uno strumento utile a realizzare un desiderio. Ma sarà davvero una bacchetta magica quella che milioni di giovanissimi brandiscono tutti i giorni? Difficile dirlo. E il libro replicherà il successo da milioni di follower della sua autrice? Vedremo. Comunque dai 10 ai 18 anni vale certamente una lettura.