Salta al contenuto principale

Infografica della Roma antica

Infografica della Roma antica

La storia dell’antica Roma va dal 753 a.C. al 476 d.C. (in Occidente, perché la parabola storica di Costantinopoli dura fino al 1453). In questi circa sette secoli, uno sterminato territorio è stato conquistato, tanti popoli sono stati sottomessi o sterminati e una società assai complessa si è sviluppata. Questo volume – costituito da infografiche accompagnate da brevi paragrafi di testo – ci offre una sintesi visuale della parabola di questa civiltà decisiva nella storia del mondo antico. La prima parte, “Territori e popolazioni dell’Impero”, descrive lo sviluppo del potere romano, l’espansione del suo dominio, la struttura delle sue città e le caratteristiche sociali del suo popolo. La seconda parte, “Governare, venerare gli dèi, provvedere ai bisogni”, è dedicata alle istituzioni della Repubblica e dell’Impero d’Occidente, al pensiero giuridico romano, all’economia e alla religione. La terza parte, “La potenza militare romana”, descrive struttura e strategie dell’esercito di Roma, per secoli praticamente invincibile…

Una quantità enorme di dati storiografici (la bibliografia, ricchissima, è in appendice) raccolti da John Scheid, storico e archeologo esperto di età romana, professore emerito al Collège de France, membro dell’Académie des inscriptions et belles lettres e dell’Academia Europaea e Milan Melocco, ex allievo dell’École normale supérieure e oggi dottorando in Storia antica presso la Sorbonne Université, viene elaborata e presentata graficamente da Nicolas Guillerat, docente di Data design e Data visualization in più di cento infografiche che danno vita a un volume di grande formato, nel suo genere un capolavoro assoluto. Circa centoventi pagine esteticamente spettacolari e dense di notizie, dati e approfondimenti: il medium infografica dona al libro freschezza e accessibilità ma – attenzione – non gli fa perdere un’oncia di precisione e accuratezza. Pare di leggere un ponderoso saggio zeppo di dati e riferimenti bibliografici, eppure si tratta solo di illustrazioni, didascalie e brevi testi introduttivi. Imperdibile, davvero.