Salta al contenuto principale

Io e Proust

Io e Proust
Tutto comincia con una brutta polmonite e un morso. Il quindicenne Jacques Bartel, in preda alla disperazione e al dolore per una malattia che lo costringe a letto da qualche settimana, prende a morsi il primo libro della Recherche, che un baffuto Zio Felix gli aveva regalato per il suo compleanno. Come per miracolo, il dolore passa. Chi è l'autore di questo miracolo, chi è questo Marcel Proust? Jacques inizia a leggere e arriva la folgorazione. È entrato nella cattedrale: da quel momento in poi la sua vita non sarà più la stessa. Da quel momento in poi, per Jacques, sarà solo Proust. Croce e delizia della sua esistenza, causa primaria di gioie e dolori, lo scrittore con i baffi dimostra da subito il suo effetto ambivalente sulla vita di Jacques... i genitori temono che il figlio sia omosessuale, le ragazze lo lasciano perché lui le ossessiona con continui riferimenti a Proust, il lavoro come ricercatore sullo scrittore sembra non offrirgli spazio di manovra. Fino al giorno in cui Jacques decide di scoprire chi è quell'uomo misterioso che compare in alcune foto accanto a Proust e di cui tutti sembrano ignorare il nome...
Michaël Uras, di origine sarde, non ha scritto un romanzo brillante. Spiace dover dire che anzi Io e Proust - altrove descritto come romanzo d'esordio pieno di humour - è invece totalmente privo della necessaria autoironia. Auto, perché di semi-autobiografia si tratta (è lo stesso Uras ad aver parlato del suo romanzo in termini di “autofiction”). Carina l'idea di delineare alcuni personaggi ricorrendo all'espediente del questionario proustiano (le 10 domande che portano il suo nome solo perché Proust vi rispose in due momenti della sua vita), ma di più in questo romanzo non c'è.  Eppure i momenti di “insight” non mancano: “Il problema di quando scriviamo è che spesso pensiamo di fare un lavoro eccellente mentre in realtà stiamo annoiando il mondo intero”. L'effetto straniante di questa frase a pagina 124 è uno dei pochi momenti che si fanno ricordare, una volta chiuso il libro.