Salta al contenuto principale

Kiss me like you love me - Game over

Kiss me like you love me - Game over

Sua sorella Chloe è stata imprigionata nel bagagliaio posteriore di un’auto e Neil ha solo cinque minuti e dieci secondi di tempo prima che l’auto esploda. Questa volta la vendetta di Player 2511 si consuma prendendo di mira uno dei suoi affetti più cari. Dopo qualche istante di completo stordimento, Neil e l’amico Xavier riescono ad aprire il bagagliaio. Chloe ha caviglie e polsi legati da corde, mentre una striscia di nastro adesivo nero le chiude la bocca. I suoi capelli sono arruffati e le palpebre chiuse. Neil la estrae in fretta dall’auto, si inginocchia con il corpo della sorella stretto a sé e le toglie il nastro dalle labbra. Le sussurra parole di incoraggiamento, mentre prega che la piccola si risvegli. Neil non piange, non accade mai che lo faccia. Si sente consumato e stremato, ma le lacrime non sono sufficienti per esprimere il suo stato d’animo. Nel momento esatto in cui Chloe apre gli occhi, i ragazzi la conducono rapidamente alla Maserati di Neil. Il giovane si mette alla guida e si allontana più in fretta che può, proprio un istante prima che l’auto in cui Chloe era stata fatta prigioniera esploda, facendo innalzare una densa nube di fumo. Per il momento la battaglia è stata vinta, ma la guerra contro Player 2511 non è conclusa e Neil ancora non ha scoperto chi si nasconda dietro quello pseudonimo. Più tardi, dopo una lunga doccia, Selene lo chiama al cellulare e il pensiero della ragazza, che gli tiene compagnia per gran parte delle sue giornate, è diventato qualcosa che si è insinuato nella parte più profonda del suo essere. Selene Anderson è decisamente qualcosa di più di una semplice avventura. Questa, ormai, è una verità con cui, prima o poi, lui dovrà fare i conti...

Capitolo finale della trilogia - che in realtà si arricchirà di due ulteriori testi, fino a diventare una pentalogia - dedicata alle vicende travagliate di Selene e Neil, i due giovani innamorati frutto della fantasia della giovane autrice italiana che si nasconde dietro lo pseudonimo di Kira Shell. Il nemico, tangibile, da affrontare sta per essere sconfitto: il temibile Player 2511 - i cui attacchi continuano a mettere in pericolo a rotazione i membri della famiglia cui Selene e Neil fanno parte e minano dalle fondamenta l’equilibrio precario che i due protagonisti stanno cercando di costruire - ha le ore contate. Neil, infatti - il classico bel tenebroso con un difficile passato alle spalle e molte ferite non ancora cicatrizzate a rimpolpare un curriculum in cui passione, una buona dose di rudezza e di puro istinto sono prevalenti - non si risparmia quando la vita dei suoi cari è in pericolo e utilizzerà tutti gli strumenti in suo potere per sconfiggere un nemico pronto a sferrare il suo attacco finale. Accanto a questo aspetto della vicenda, tutto azione e adrenalina, si snoda il rapporto complesso tra i due protagonisti, tra i quali la passione e l’affinità sono evidenti. Tuttavia, le lunghe e pesanti ombre del passato di Neil gli impediscono di lasciarsi andare e di vivere appieno un sentimento che il giovane non conosce e al quale ha paura di abituarsi. Alla ricerca di un nuovo equilibrio, che gli consenta di far luce su di sé e sui suoi sentimenti, Neil allaccerà nuovi rapporti che metteranno ancor più in discussione il suo presente e il mondo dei suoi affetti, colpendo in maniera diretta Selene e la sua fragilità di giovane innamorata. Sullo sfondo di una vicenda in cui si ripetono dinamiche già ampiamente utilizzate nella scrittura del genere di appartenenza del romanzo, la Shell racconta una volta ancora, con un linguaggio semplice e scorrevole che rappresenta un punto di forza della narrazione, la forza della passione, la profondità dei sentimenti, le ferite con cui alcuni episodi del proprio vissuto segnano in modo indelebile il corpo e l’anima dei protagonisti. Una storia che invita alla ricerca della propria parte più nascosta e profonda, alla riflessione sul peso che chi ci affianca può rappresentare per ciascuno di noi e alla speranza che i nodi di un’esistenza complessa e difficili possono essere sciolti, grazie alla potenza dell’amore.