Salta al contenuto principale

La congiura dei potenti

La congiura dei potenti
Paolo de Mola non avrebbe mai immaginato di passare dal sultanato di Solimano, in Turchia, alla Corte di Leone X nel giro di poco tempo. Purtroppo questo salto nella cristianità è stato l’unico modo di sopravvivere alla sua incorruttibilità morale, che lo ha portato a uccidere un generale della guardia di Solimano troppo interessato alle sue virtù (e il riferimento non è certo alle sue virtù di guerriero). Per sfuggire alle accuse e non destare sospetti, Paolo viene inviato nella mani di Leone X ed al centro di torbidi intrighi di palazzo. Il Pontefice, infatti, è intenzionato a portare dalla sua parte il monaco e teologo Martino Lutero, in modo da contrastare la rivolta dei contadini animati e accalorati da Thomas Müntzer, un allievo di Lutero che ha aderito alle sue tesi riformatrici. Da qui, in un crescendo di colpi di scena e incontri inaspettati, inizia il viaggio di Paolo e dei suoi compagni Gaurico e Lorenzo. La loro destinazione è il castello di Jacobb Fugger, unico “aggancio” per arrivare a Lutero e rispettare l’accordo fatto con il potente e criticato Papa…
La congiura dei potenti è il nuovo libro di Carlo Martigli, scrittore italiano già premiato per l’Eretico e 999 L’ultimo Custode. In questo romanzo, il 1500 di Lutero e l’Europa dei Papi e degli Imperatori fanno da sfondo ad una storia di denaro, amori e potere. Martigli ricostruisce uno spaccato fedele e accurato dell’epoca in cui la decadenza della Chiesa e l’ascesa del Dio denaro stavano plasmando l’Europa. La contrapposizione di personaggi puri come Paolo e individui come Fugger e Leone X, interessati solo a potere e denaro, rende questa storia avvincente e porta il lettore e a fare delle precise scelte di campo. La fitta trama e gli intrigati giochi di potere lasciano presagire un finale esplosivo e portano letteralmente e divorare questo romanzo. Questa promessa viene però un po’ disattesa da troppa “ansia di realismo storico” a discapito del senso di giustizia “letterariamente” atteso dal lettore. Nel complesso però davvero un bel romanzo, destinato non solo agli appassionati del genere ma anche a tutti coloro che hanno voglia di dare un volto ai grandi uomini che hanno fatto la storia del mondo.