Salta al contenuto principale

La leggenda della nave di carta

La leggenda della nave di carta

Quando il cielo esplode in una nuvola di fumo rosso sangue Susumu ha soltanto dieci anni, è a casa con la mamma a Hiroshima, sua sorella invece è andata a scuola. Di colpo intorno a lui le mura di casa si sgretolano come fossero di sabbia, gli occhi pungono, l’odore di carne bruciata è asfissiante… È un attimo, e nel cortile della Seconda Scuola Elementare di Hiroshima si spalancano le fauci dell’inferno, pronte a inghiottire tutto: edifici e vite umane, studenti e professori, un turbinio di brandelli di pelle sparsi come coriandoli. Dal cielo cade un’acida pioggia nera che brucia le carni, e a lei studentessa del college femminile non resta che correre al riparo… Quando riapre gli occhi le sembra di svegliarsi in un incubo: colonne di fumo nero hanno avvolto i contorni della città, urla disumane fuoriescono da palazzi distrutti, l’olezzo acre di morte e di pelle ustionata si spande senza lasciare scampo. È questo l’inferno? No. È solo l’azione scellerata dell’uomo…

La Fanucci ripropone una panoramica insolita sul racconto di fantascienza giapponese (la prima edizione è del 2002), un genere che al Sol Levante colleghiamo attraverso i ricordi delle serie animate dedicate ai “robottoni”, anime ormai parte dell’immaginario collettivo, oppure a qualche serie live-action. I sedici racconti sono estrapolati dalla più ampia antologia americana The Best Japanese Science Fiction Stories del 1989, e tradotti dall’inglese e non dalla lingua originale. Fantascienza nella prosa nipponica significa anche e soprattutto ricordo degli orrori causati dalle esplosioni atomiche, tema dei primi tre racconti/testimonianze della raccolta. Passando attraverso una bizzarra storia con protagoniste scatole vuote, la scelta di auto-cannibalismo praticata da un uomo che inizia col mangiare la propria gamba e uomini vegetalizzati e trasformati in albero, La leggenda della nave di carta costituisce un pot-pourri che mette insieme fantascienza, folklore, gusto dell’orrido e superstizione. Un’antologia eterogenea che prende il titolo dall’omonimo racconto di Tetsu Yano, e tra alti e bassi, registri linguistici diversi, metafore di distruzione di massa e distopie inverosimili, costituisce lo specchio di una società tanto eterodossa quanto affascinante. Il Diluvio ‒ forse il più riuscito tra gli scritti proposti ‒ profetizza la fine del genere umano, dissoltosi misteriosamente in acque che alla fine sommergono tutto. Quello che emerge qui non è il poetico Giappone del regista Miyazaki, né quello visionario dei colorati manga, ma una matassa intricata e inquietante, un teschio in mezzo al deserto dalle orbite brulicanti di vermi. La varietà di temi e stili rendono faticoso ricomporre un quadro unitario, e di certo la traduzione non da lingua originale ha lasciato per strada espressioni e atmosfere autentiche. Nel complesso il risultato è però interessante e degno di una lettura.