Salta al contenuto principale

La Mannaia

La Mannaia

Torello decide di voler diventare beccaio in un giorno qualunque della sua giovinezza, quando camminando per le strade della Firenze trecentesca incrocia lo sguardo di una chianina. È un uomo risoluto, Torello, e ha bisogno dei soldi per comprare il necessario per la professione che si è scelto, così, rimasto vedovo da giovane, vende Orso, il primo figlio, e col denaro ricavato prende ciò di cui ha bisogno. Trova allora un’altra donna e con lei ha due figli. Lupo, nato con delle gravi malformazioni, che viene rinchiuso nella cantina del nonno Gerundio, dove viene istruito e dà prova di grande intelligenza, e Falco, il secondogenito sano e forte, che viene invece indirizzato verso la professione del padre. È una famiglia complicata, quella di Torello, i cui componenti hanno legami forti e allo stesso tempo complicati. Nonostante le divergenze e le diversità di ognuno, alla morte del capofamiglia, con cui si apre la storia, i tre figli si ritrovano al capezzale del padre, mentre un nemico letale risale l’Italia mietendo le sue vittime senza pietà. È la peste nera, con cui la famiglia di Torello deve fare i conti…

Cimentarsi nella scrittura di un romanzo storico non è affare da poco. Ci vuole un’abilità particolare, ben distinta dalla mera capacità scrittoria. È un genere difficile, tanto da leggere quanto da scrivere, che richiede mano ferma, cultura vasta ed elastica e occhio critico. È necessario un uso della parola eclettico, che sia al tempo stesso consono al periodo trattato, credibile nei dialoghi e nelle descrizioni e comprensibile al lettore. È necessario uno stile raffinato, sinuoso, ricco e capace di descrivere tempi lontani senza correre il rischio d’eccedere in lunghe tirate inutili e noiose. È necessaria una conoscenza capillare del tempo storico di cui si parla, che includa usanze, loquele e accadimenti storici sia di grande sia di piccola portata. Ed è necessaria infine la capacità di comprendere senza dubbi di sorta quali fatti debbano essere narrati e quali invece vadano lasciati alla memoria della storia. Sono queste le qualità strettamente indispensabili per scrivere un buon romanzo storico, e Paola Presciuttini le ha tutte. Il suo nuovo libro, La mannaia, edito da Meridiano Zero con cui ha già pubblicato il felice e fortunato Trotula, è una perla, un pietra preziosa di grande valore nel panorama letterario italiano. Nella sua Firenze, città dove la Presciuttini è nata e ha vissuto, la scrittrice torna indietro nel tempo fino a uno dei periodi più travagliati e interessanti del nostro Paese, il Trecento. E quegli anni li scandaglia con eccezionale bravura, una maestria che dà i suoi frutti sia nella costruzione dei personaggi, perfettamente credibili e molto ben costruiti, sia nella stesura della storia in sé, sia nella ricostruzione prettamente storica. Quello della Presciuttini è un romanzo che si prende il tempo di cui ha bisogno, che non corre, indubbiamente una rarità, singolare e piacevole, che vale la pena di leggere e gustare.