Salta al contenuto principale

La moglie del cacciatore di perle

La moglie del cacciatore di perle
Autore
Traduzione di
Genere
Editore
Articolo di

Approdare in una terra totalmente sconosciuta, dopo due mesi di viaggio in mare, a diciannove anni e con la sensazione di essere stata mandata via dalla propria famiglia è una dura prova per Maisie Porter. Non sa quello che la aspetta, non conosce il marito, lontano cugino del padre, che dovrà sposare e che non ha mai visto; non conosce nulla di quel luogo di frontiera lontano da tutto, dove caldo e pappataci sono insopportabili. Maisie non ha idea di come si viva nella colonia britannica australiana e non sa nemmeno cosa voglia dire diventare una moglie. Le sue speranze si infrangono sulle coste puzzolenti di Buccaneer Bay, una cittadina nel Nord-ovest dell’Australia, in cui l’unica attività è la pesca delle ostriche per la madreperla e le preziose e rare perle. Il suo sogno d’amore naufraga quando incontra il vecchio, grassoccio e pelato marito che per lei non mostra alcuna attenzione, che non la degna di un solo sguardo. Intorno a lei il mondo imprevisto della più gretta falsità vittoriana che in quel luogo dimenticato è ancora più rigida e soffocante che nella Madrepatria britannica degli inizi del ‘900. La ricchezza di pochi uomini bianchi, violenti e irrispettosi, malvagi e inumani si basa sullo sfruttamento inumano di indigeni e orientali emigrati nella colonia britannica australiana in cerca di migliori condizioni di esistenza. In quel luogo inospitale e infelice, Maisie incontra il palombaro Coop e scopre sordidi segreti che le sconvolgeranno la vita…

Il romanzo poggia su una base storica vera che l’autrice ha raccolto grazie ad un viaggio fatto a Broome, in Australia, dove la pesca delle ostriche ha avuto una lunga e affascinante storia. La vicenda di Maisie è come quella di molte giovani donne degli inizi del ‘900 che venivano date in matrimonio oltreoceano a uomini sconosciuti, per onorare un contratto che spesso aveva motivazioni economiche. Le donne nella storia non hanno voce in capitolo, non possono opporsi o imporre i propri desideri, sono succubi, ma Maisie non ha una tempra così cedevole, ha coraggio e forza e sogni da seguire. Uno stuolo di donne le cammina accanto e l’aiuta a crescere, a osare, a cercare il cambiamento. Donne che si sono affrancate in qualche modo, che non hanno ceduto al destino e le insegnano a non arrendersi, che sono complici e che la guidano. Hanno subito il suo stesso destino e hanno saputo adattarsi senza cedere, hanno percorso strade nuove che le hanno rese libere. Maisie ne segue l’esempio, impara l’arguzia e osa per se stessa e per l’uomo che ama. Gli uomini bianchi sono meschini e disumani, senza sentimenti e viziosi, spariscono davanti alle loro donne, subalterne, ma vere eroine. La narrazione è scorrevole e piacevole, con un linguaggio semplice e lineare, ma troppi elementi della trama sono appena accennati e abbandonati senza una soluzione. La conclusione poi, è proprio da romanzo rosa.