Salta al contenuto principale

La ragazza che leggeva nei cuori

La ragazza che leggeva nei cuori
È possibile prevedere il futuro e “vedere” con chiarezza – anche a distanza – come in un libro aperto le emozioni altrui? Quali sono le reali capacità di medium e mentalist? New York, anni Venti. Le luci della ribalta di Broadway. Anna (16 anni) e sua madre, la celebre Madame Van Housen, si guadagnano da vivere in tournee nei teatri con “eventi paranormali”, seducendo e stupendo il pubblico con una serie di pezzi da repertorio che strappano applausi e ammirazione, lasciando la platea non senza curiosità e interrogativi. Madame van Housen, però, è un’abile attrice, capace di ammaliare e confondere con arte di simulazione ben collaudata. Anna, invece, alcuni poteri sembra averli davvero. Alcuni fonte di turbamento, se è vero che gli stati d’animo altrui che riesce a percepire sono capaci di suscitare in lei anche inquietudine e un senso di svuotamento. Ma soprattutto, da qualche  tempo nei momenti più inaspettati ha sinistri barlumi di una visione: la madre in pericolo e lei – Anna – che si vede nel silenzio ovattato di una massa d’acqua che la sommerge. Sono buie fobie dell’anima, o davvero è un futuro prossimo che incombe e che Anna dovrà in qualche modo anticipare e affrontare? Cosa sta per accadere?
Teri Brown ci conduce con ritmo incalzante e dovizie di particolari nel mondo del paranormale, fra illusionismo e presagi.  La trama – a lettura ultimata – appare un po’ esile e povera sul piano di un vero e proprio sviluppo narrativo, ma il romanzo mantiene una buona tensione e suspense grazie ad un senso di mistero che si infittisce, a premonizioni che paiono compiersi da un momento all’altro. Un gioco di visioni ma anche di auto-inganni (perché non sempre la realtà è quella che si crede inizialmente di percepire) che mantiene alto l’effetto sorpresa sino alle ultime pagine, in una rete di relazioni (conoscenze e amicizie) mai del tutto comprese e dunque imprevedibili. Su questa narrazione condotta sul fil di lana si innesta il tema del conflitto generazionale - palese o latente - fra madre e figlia adolescente, un rapporto che avrà in questa intricata vicenda di misteri e pericoli un banco di prova e in cui la giovane protagonista imparerà a riconoscere e saggiare le sue reali capacità e il suo istinto. Un romanzo che, per una miscela di ingredienti ben dosati (fra psicologico e avventuroso), in una agevolissima lettura potrà piacere in particolare agli amanti del paranormale e del mystery.