Salta al contenuto principale

La villa delle rose

Anna Kepler, trentadue anni, single, ha finalmente finito la ristrutturazione di Villa delle Rose, la casa avita ereditata da nonno Kurt. Manca un solo dettaglio: le rose che danno il nome alla villa, ma lei e il giardiniere ci stanno lavorando. Anna sta anche curando l’apertura della sua seconda cioccolateria. Perché oltre alla villa - messa malino peraltro - dal nonno ha ereditato non solo la passione, ma anche il talento e il gusto, quella capacità di sentire retrogusti e profumi, di immaginarli abbinati ad altri per creare cioccolatini famosi in tutta la città e non solo. Mentre si appronta a lavorare nella sua pasticceria per le ultime cose prima dell’apertura, riceve la chiamata di Jan, amico con cui ha avuto una breve relazione, nonché il giardiniere che sistemerà a dimora le ultime rose, quelle che mancano per completare il giardino e rendere la villa definitivamente come deve essere, com’era prima della devastazione della guerra, della requisizione e dell’abbandono. Il lavoro va anticipato o si andrà a finire alla settimana successiva, ma Anna ha fretta, non è un desiderio il suo, è una necessità. Mentre scavano per mettere a dimora delle piante, seguendo uno schema ben preciso di posizionamento in base ai colori che avranno i fiori, dal terreno emerge qualcosa che di solito sta nelle fiabe, una scatola di metallo. Anna a quel punto, sapendo cosa ha rappresentato il roseto per chi ha vissuto nella villa, immagina che chi l’ha nascosta lì tenesse moltissimo a quella scatola. Non si sbaglia, anche se raccapezzarsi e ricostruire la storia che gli oggetti in essa contenuti raccontano non solo sarà complicatissimo, ma riserverà delle sorprese in grado di sconvolgere diverse vite…

Teresa Simon è lo pseudonimo con cui una scrittrice tedesca ha firmato questo romanzo. Un romanzone letteralmente pieno di avventura, di Storia, di sentimenti e anche di colpi di scena. Una saga familiare in piena regola, scritta con tutti i crismi, ma che contemporaneamente è diversa da tutte le saghe familiari a cui siamo abituati come lettori. Diverso l’impianto, non un racconto puro e semplice che segue un ordine cronologico, ma frammenti ritrovati e rimessi insieme con la pazienza e la passione che sono necessarie a comporre un puzzle cieco (ovvero senza avere a disposizione l’immagine del risultato finale), quasi un’indagine. Una storia che racconta di donne, forti ma sottomesse, adeguate giocoforza al loro tempo, che condividono una caratteristica che le unisce: l’appartenenza per sangue o meno, alla stessa famiglia. Un universo variegato di caratteri e decisioni prese che hanno influenzato quando non addirittura cambiato le sorti di intere generazioni dopo di loro. Belle e altrettanto forti, anche se inevitabilmente comprimarie, sono le figure maschili. Padri mariti amanti, che Anna scopre essere ben diversi da come ha sempre pensato, a partire dal capostipite, l’adorato nonno che le ha trasmesso passione e talento, che nascondeva un segreto terribile. Non mancano le storie d’amore – Dante docet - che sono state il motore di tanta parte di quanto ha vissuto la sua famiglia, compresa quella che, una volta placato il bisogno di sapere e sistemati tutti i tasselli del puzzle, Anna potrà apprestarsi a vivere. Un ottimo romanzo con una sola piccola pecca: ricordarsi i tanti nomi femminili e le relazioni, anche per gli sbalzi temporali, richiede una concentrazione che distoglie un filino dal relax che si cerca nella lettura.