Salta al contenuto principale

L’albero delle sorprese

lalberodellestorie

Mentre va a scuola, accompagnata da sua madre, Alessia ripensa alle serate estive. Qui in città bisogna stare sempre attenti e, anche negli angoli più graziosi, tutto sembra soffocare sotto la polvere e il rumore delle automobili, la luce dei lampioni non permette di vedere le stelle e la luna è nascosta dai palazzoni. L’aula di Alessia si affaccia su una piazza in mezzo alla quale si erge un vecchio albero solitario, ma forte e robusto. Nessuna delle persone che attraversano di corsa la piazza, tra macchine, negozi e vigili urbani, sembra accorgersi di quell’albero imponente e anche Alessia non l’ha mai notato fino a quel mercoledì mattina in cui, affacciandosi alla finestra dell’aula durante l’intervallo, abbassa lo sguardo e nota quelle minuscole perline rosa che ricoprono l’albero, Chiama i suoi compagni ad osservarlo e un’atmosfera di stupore ed eccitazione pervade la classe. É sempre Alessia a chiedere spiegazioni alla maestra, subito dopo l’intervallo, e a lanciare l’idea di andarlo ad osservare da vicino. Certo serviranno le autorizzazioni dei genitori, per poter uscire sulla piazza, ma la maestra sa bene che la curiosità è lo strumento più prezioso per imparare...

L’albero delle sorprese è un libro della casa editrice di proprietà delle suore Paoline, congregazione fondata nel 1915 per “l’evangelizzazione con i mezzi della comunicazione sociale”, spiega Wikipedia. La collana “Parco delle storie” presenta “il mondo dei libri in forma ludica e accattivante” ed è stata “creata per offrire agli insegnanti strumenti utili per i percorsi didattici”, spiegano le suore Paoline sul loro sito. L’albero delle sorprese, in particolare, affronta le “tematiche del contatto con la natura, la capacità di osservazione, la ricchezza della didattica all’aperto”, recita la seconda di copertina mentre in quarta un QR code permette di scaricare diverse proposte di attività didattiche. Rosa Tiziana Bruno ha al suo attivo una decina di libri per bambini e ragazzi ed è convinta che “natura e letteratura siano gli strumenti più preziosi per imparare ad essere felici”, che permettono di sviluppare le coscienze per la costruzione di un mondo sostenibile, spiega l’autrice sul suo sito, prestando attenzione ai cambiamenti climatici e alle relazioni umane. I fumetti di Elisa Enedino riprendono la storia sintetizzandone i passaggi salienti, come nelle illustrazioni delle fiabe classiche, con il testo citato sotto il disegno lo rappresenta.