Salta al contenuto principale

L’amore ai tempi del G8

L’amore ai tempi del G8

Eva cerca un nuovo inizio con l’anno appena arrivato, perciò formula buoni propositi a cominciare con il diventare vegetariana e provare a smettere di fumare. Ha in testa che bisogna fare qualcosa per sé e per il pianeta ma non comprende ancora, come le fa notare la sua amica Lia, che contestare le multinazionali e poi continuare a fumare è una contraddizione. Lisa è al mare con i suoi genitori, in quell’estate del 2001. È ancora una bambina ma capisce che esiste la morte, che le cose possono cambiare e in quel germoglio di nuovi pensieri sente alla radio della morte di un ragazzo, Carlo Giuliani, ucciso durante le manifestazioni contro il G8 durante una carica della polizia. Vera e i suoi amici sono a Genova per la manifestazione e solo per un caso fortuito non si sono trovati nella scuola Diaz dove nella notte 93 manifestanti sono stati pestati dalle forze dell’ordine…

Questi i primi tre racconti che, attraverso le storie di ragazzi e delle loro vite, raccontano le vicende italiane di quell’anno. Il libro è diviso in sei storie e il filo conduttore è il vertice dei potenti che si tenne a Genova dal 19 al 22 luglio del 2001. Durante quel vertice si organizzarono manifestazioni di protesta da parte di associazioni pacifiste e movimenti no-global che portarono a repressioni feroci e violente da parte delle forze dell’ordine e alla morte del manifestante Carlo Giuliani. I personaggi del libro sono ritratti in un periodo della loro esistenza, sono ragazzi che cercano di dare una forma alle loro vite tra gli amori che nascono o finiscono, le amicizie e il tentativo di fare qualcosa di costruttivo per i meno fortunati. Un libro nelle cui pagine troviamo condensato il tema della perdita con gli amori in declino, il senso delle altre vite incontrate sulla propria strada, i fatti violenti di Genova uniti alla sottrazione dell’innocenza e la nascita di una nuova consapevolezza. Flavia Rampichini, bibliotecaria a Milano, ha scritto il suo primo romanzo partendo dalla sua esperienza di mamma (Magari parto. Diario di bordo per gestanti e neomamme), poi nel 2018 ha pubblicato il romanzo fantasy Il bambino scomparso e ora invece ci regala questa pennellata di fatti tanto tragici quanto quasi impossibili da credere, ma che ormai fanno parte della storia del nostro Paese.