Salta al contenuto principale

Le 5 montagne più belle della Letteratura

Articolo di

Per gli amanti della montagna ogni vetta è preziosa e ogni sentiero è una scoperta. Alzare lo sguardo al cielo terso e scorgere il volo di un’aquila e camminando seguire le tracce che qualche animale ha lasciato nella neve. E per chi ama il mare? Nessun problema, tranquillamente stesi sul bagnasciuga, potrà scalare le pagine di questi libri e sarà, quasi, come essere lì.



1. È novembre. Nell’aria all’odore di mugo si sovrappone quello acre del fucile. Una nuova stagione di caccia si apre, mentre una stagione della vita volge al termine.

2. La Dea del cielo immobile aspetta. Imponente, incute rispetto e timore. Metterà a dura prova anche i fisici più preparati, che nella loro piccolezza sono in commerciale concorrenza.

3. Dovevano essere solo tre settimane per riposare. Tranquilli sonnellini rimirando le Alpi, respirando aria buona. Una sfilata Belle Époque di variopinti personaggi, che tra un pasto e una passeggiata: chiacchierano, si innamorano, vivono.

4. Dapprima snobbato il rifugio in montagna, diviene poi ancora di salvezza. Quanti i bisogni sconosciuti o ignorati. Tornare a prendersi cura di sé e riapprezzare gli amici d’infanzia.

5. Annuncia l’arrivo dell’inverno il piccolo scricciolo, che prepara con scrupolo il suo nido. Arriverà la neve, quella nuova e quella dei tanti ricordi. Tabacco, sale, polenta, quotidianità che salva. E al sorgere del sole si rinnova la speranza e la vita.



Escludi Ads Google