Salta al contenuto principale

Le donne di Pietro Mascagni

donnepietromascagni

Emy. Il fuoco arriva il 7 dicembre del 1970 in una serata come le altre, un lunedì freddo e grigio, quartiere Parioli. Guia si sente strana, un po’ agitata. È una bambina di undici anni, molto matura per la sua età, abituata a vivere con gli adulti: la mamma, la sorella e il fratello più grandi di lei, e la nonna Emy che abita al piano di sopra, in una sorta di casa museo dedicata alla memoria di quello che è stato per lei un padre affettuoso, protettivo e sensibile. Il misto di amore e di ammirazione lasciato nella figlia è giunto fino alla pronipote Guia. Camminando verso la sua stanza per andare a dormire, la ragazza avverte un odore acre provenire dalla tromba delle scale e, poco dopo, un urlo. I vigili del fuoco sfondano la porta e poco dopo compare Emy terrorizzata e smarrita. Il fuoco sta divorando tutto — libri, spartiti, dischi, fotografie, persino il pianoforte nello studio — ed Emy non trova pace: bisogna salvare i suoi ricordi, le musiche, le lettere del babbo… Quella donna, che anche i vicini considerano stramba, che sposta i mobili nel cuore della notte e ascolta la musica ad alto volume, cerca di spiegare e di scusarsi per aver lasciato una sigaretta accesa sul portacenere per andare un momento in cucina: una volta tornata, la poltrona era già in fiamme. Si sono consumati così tutti quei cimeli, cancellando una vita, una storia intera…

Francesca Albertini Petroni è la pronipote di Pietro Mascagni; nel 2012 ha fondato, insieme alle cugine Guia e Alice, il Comitato promotore Pietro Mascagni, con l’intento di divulgare la figura e le opere del celebre bisnonno. Insieme hanno scritto un libro che porta la firma di Francesca ed è, nello stesso tempo, biografia, saggio e romanzo familiare, dedicato alle donne che hanno avuto un ruolo importante nella vita del noto compositore e direttore d’orchestra. La narrazione non procede secondo un ordine strettamente cronologico — alla figlia Emy sono dedicati tre capitoli che si alternano ad altre figure — e inizia con l’incendio che ha distrutto la maggior parte dei documenti e delle testimonianze legate a Mascagni. Ci sono poi la Mamma Emilia, portata via da una terribile tisi a soli trentadue anni; Giuseppina, la giovane fidanzata che, dopo averlo aspettato a Livorno per sposarlo, mentre Pietro a Milano si preparava per l’esame di ammissione al conservatorio, gli aveva mandato all’improvviso una lettera di addio; Argenide Marcellina, detta Lina, una comparsa della sua compagnia: fu a lungo il suo appoggio e il suo conforto, malgrado le tante infedeltà e il bisogno di fuga di Mascagni; la soprano Emma Bellincioni, protagonista della prima a Livorno di Cavalleria, evento che segna la svolta nella vita del compositore; Emma Calvé, interprete fine e gentile di Suzel, uno dei personaggi tra i più delicati dell’opera moderna; Gemy, l’affascinante nuora che nutrì per il suocero un rispetto quasi reverenziale; Maria Farneti, scelta per interpretare un poema sinfonico per le celebrazioni a Recanati del centenario della nascita di Giacomo Leopardi; Anna Lolli, una corista di Bagnara di Romagna che divenne la sua musa; Guia, la nipote, che ha deciso di raccogliere tutto ciò che ha a che fare con il bisnonno; la nipote Mitì, figlia di Gemy e di Mimì, dal temperamento ribelle, e sua figlia Francesca. E poi ci sono le figure femminili delle opere da lui scritte e dirette: Lodoletta, Egloge, Atte… Mascagni fu sempre sensibile alla bellezza e al fascino femminile: individuando il filo che lega persone, momenti ed eventi diversi, Le donne di Pietro Mascagni ricostruisce, attraverso il loro ritratto — oltre alla moglie, ci sono amiche sincere, amanti, ispiratrici e confidenti — le fasi salienti e spesso altalenanti della vita del musicista, gli slanci creativi e i successi, ma anche le difficoltà e i momenti più bui. Uno sguardo fresco e affascinante sul lato più umano di un genio. Il volume è arricchito dall’albero genealogico della famiglia Mascagni, dalla cronologia delle opere, dalla bibliografia e da importanti documenti d’archivio (fotografie, lettere, articoli).