Salta al contenuto principale

Le lezioni della storia

Le lezioni della storia

La storia, si sa, è maestra di vita. Ma purtroppo, non sempre trova discepoli attenti. Gli stessi storici si trovano spesso a chiedersi quali lezioni la storia stessa ha ancora da dare. La risposta è: molte. Specialmente se si incrocia la storia con le tante discipline collaterali, o comunque prodotte dal fenomeno della specializzazione, e della moltiplicazione, delle conoscenze. Si comprende così che la storia stessa è radicata nella Terra e connessa alla geologia. Il che induce lo storico a ridimensionarne la portata, dato che la Terra altro non è che un puntino infinitesimale nell’universo. Ma un altro legame forte è con la biologia. Nel senso che la storia è incentrata sugli uomini. Ma questi ultimi sono integrati con gli altri organismi. E c’è poi la connessione con il concetto di razza, che scorre sinistramente tra Ottocento e Novecento, per sfociare nelle grandi tragedie contemporanee. Dunque, la storia è sempre disciplina aperta, plurale, dinamica e in divenire. Sensibile alle mutazioni della società della cultura, dell’economia. E dunque, maestra impareggiabile…

Gli autori del volume hanno indagato i movimenti storici in lungo e in largo, a partire dagli anni Sessanta fino al 1981. Anno della loro morte. Uniti nella vita in matrimonio, hanno dunque prodotto una notevole massa di saggi. Ma, ad un certo punto, hanno cominciato ad interrogarsi sul senso della storia e del lavoro dello storico. Da qui nasce questo volume che ospita brevi e incisivi saggi, redatti con uno stile essenziale, quasi giornalistico. Ma concentrando un lunghissimo viaggio nel tempo, che idealmente parte dalle origini più remote per giungere nel tempo presente. Così il lettore si imbatte nei grandi personaggi che hanno segnato le epoche più diverse, presentati con rapidi tocchi, lasciando al lettore stesso il gusto e il piacere di scavare nei propri ricordi. Nelle proprie conoscenze. Per scoprire, come segnala nella breve introduzione Ferruccio De Bortoli, che gli insegnamenti della storia servono soprattutto a far maturare ogni individuo.