Salta al contenuto principale

Leonid - I due albini

leonididuealbini

“Leonid non è ancora un gatto adulto, ma non è più un cucciolo. Diciamo che è un giovane gatto! Vive in una villetta di quartiere, in mezzo agli alberi, abbastanza lontano dalla città e nei pressi di una fattoria e sebbene i suoi sogni siano animati da battaglie notturne nei boschi, trascorre le sue notti in una cesta”. In casa insieme a Leonid abitano anche Hoa Nai, una gatta siamese, Mirza un cagnolino che ama i grattini alla pancia, Rosso un gatto pechinese di nobili origini e Atchi, un topolino allergico... al pelo di gatto! E poi ci sono Arsene, Bouboule, Ba’on e il vecchio Eremita, gatti abituati alle nottate all’aria aperta con cui il giovane gatto trascorre le giornate giocando e girovagando. Ma la pace di Leonid e dei suoi amici viene improvvisamente turbata: qualcuno sta uccidendo degli agnellini e il contadino, preoccupato, ha liberato i terribili segugi Zeus e Apollo, che si muovono indisturbati per la fattoria in cerca dei colpevoli terrorizzando così anche la povera banda di gatti. Ed è proprio scappando dai due cani che il piccolo Leonid nota due gatti molto particolari e mai visti prima. Chi sono quei due gatti bianchi? Che c’entrino qualcosa con le misteriose sparizioni? Per il piccolo Leonid si spalancano le porte dell’avventura e delle temute nottate all’aria aperta...

Quando si diventa adulti? E quanto si è disposti a rischiare per un amico? Leonid è un cucciolo che sta crescendo e, sebbene sogni baruffe notturne, grandi avventure e voglia essere trattato “da grande”, si sente tranquillo solo al sicuro delle mura domestiche o in compagnia dei suoi amici. Non è ancora pronto ad affrontare la vita da vagabondo e, forse, senza una spinta non lo sarà mai, perché il coraggio è una virtù che se ne sta buona buona ad aspettare il momento propizio per emergere e l’amicizia, a volte, può essere lo stimolo giusto... Quella di Frédéric Brrémaud è, soprattutto una bella storia di crescita e di amicizia, ricca di emozioni e di mistero che riesce, grazie anche alle splendide illustrazioni di Stefano Turconi, a catturare il lettore fin dalle prime pagine. Un graphic novel divertente, ricco di colpi di scena, ma a tratti anche poetico, perfetto per lettori a partire dagli otto anni. Frédéric Brrémaud è uno sceneggiatore franco-belga che scrive da anni per i principali editori di fumetti a livello internazionale. Stefano Turconi è tra gli autori italiani più celebri e talentuosi a livello internazionale. Oltre ad essere disegnatore per la Disney, illustra graphic novel di successo (spesso su testi di Teresa Radice), e fumetti per bambini e ragazzi.