Salta al contenuto principale

Adorazione

Pontinia, provincia di Latina, Agro Pontino. L’estate di un gruppo di adolescenti trascorre lenta e calda, con il cellulare perennemente tra le mani, pronto per un’istantanea con qualche vip da postare sui social. Diana è nello spogliatoio della palestra, vestita. Tutte le altre, invece, fanno sfoggio dei loro corpi nudi. Non riesce a smettere di guardarle e di domandarsi perché. La voglia sulla coscia è ben nascosta, protetta da sguardi che non siano il suo. Quella voglia la rende unica ma non è questo quello che vuole adesso. Eppure sua madre proprio non capisce. Vera è la sua migliore amica e non ha paura di dire ciò che pensa. Anche quando si parla di Elena. Ma ora Elena non c’è più: uccisa poco meno di un anno prima da Enrico, troppo giovane per gestire la sua gelosia. E anche il ricordo del loro tempo insieme sembra voler scomparire. Gli adulti fanno di tutto per cancellare quella ferita ma Giorgio, Vanessa, Vera e Diana proprio non riescono a evitare di fare i conti con una morte così incomprensibile. Le loro storie, da sempre, sono intrecciate a doppio filo: una festa di compleanno, un messaggio, il primo bacio, la prima volta, tutto è condiviso, tutto ha la stessa radice, tutto ha lo stesso contorno. Quello di una provincia che va ormai stretta, che ha smania di dimenticare e che non ha il coraggio di ammettere che l’indifferenza e la superficialità hanno ucciso davvero Elena. Vanessa non può perdonare né andare avanti senza di lei. È sola. E ha paura…

Intenso e introspettivo, onesto e realistico, Adorazione è un romanzo corale di (tras)formazione: ciascuno dei personaggi (vero e sincero in ogni dimensione raccontata) è alla ricerca del proprio posto nel mondo e, per scoprirlo, deve necessariamente abbandonare la rigida forma originaria. Alice Urciuolo, classe 1994, scrive partendo dalla sua esperienza di sceneggiatrice (sua è la fortunata serie Skam Italia) e di adolescente di provincia (i luoghi sono quelli della sua infanzia). Una fotografia della società borghese di provincia, fatta di giudizi, tradizioni, formalismo, che si accontenta di mostrare piuttosto che essere. Anche quando l’urgenza di scoprire la propria identità e di andare oltre le apparenze sembra essere più forte di qualunque altra spinta esterna. L’editor Alessandro Gazoia di 66thand2nd, casa editrice indipendente tra le più interessanti da molti anni, ha creduto fortemente nel progetto di raccontare un’adolescenza senza tempo, fatta di conflitti generazionali, di rapporto con il proprio corpo e con la sessualità, di relazioni e di scoperte, di incomunicabilità, di senso di inadeguatezza, di sogni, di innocenza che si va perdendo. Con uno stile lineare, semplice e diretto, e con un linguaggio moderno e colloquiale (coerente rispetto alla scelta dei personaggi), Adorazione cattura e coinvolge il lettore giovane e meno giovane: sentimenti e paure che parlano a ciascuno con uno stile cinematografico che rende la lettura assai piacevole.