Cicero

Cicero

“È un secolo che non ti vedo”, quante espressioni come queste usiamo quotidianamente nelle nostre conversazioni. Forse però non ci ricordiamo che stiamo utilizzando una figura retorica, in questo caso una metafora, che è una delle più diffuse. Si potrebbe, quindi, pensare che siamo tutti degli oratori, considerato il vasto utilizzo che ne facciamo. Che però questo uso sia consapevole è tutto da verificare. Ad esempio, sapevate che quando si riprende un elemento di una frase più volte, con maggiore enfasi, state utilizzando un’epanalessi dal greco (epanálēpsis, ulteriore ripresa)? È la stessa di quel “Corri, Forrest, corri!” che abbiamo sentito tante volte nel celeberrimo film Forrest Gump. Mentre se gli elementi vengono ripetuti all’inizio e alla fine siamo di fronte a una simploche (dal greco symplokē, intreccio): “ecco apparir Gierusalem si vede, ecco additar Gierusalem si scorge”, scriveva Tasso nella sua Gerusalemme liberata. E poi l’ellissi, lo zeugma. Ma anche il proverbio o la reticenza…

Cicero spiega con le immagini le principali figure retoriche della nostra lingua. È una lettura per tutte le età, per ragazzi ma anche per adulti, un volume ben fatto ed elegante, opera dell’illustratrice e graphic designer Lucia Biancalana. Si tratta di una delle prime uscite della casa editrice Pièdimosca, nata nel 2019 da una costola dell’agenzia Settepiani. Un progetto editoriale ambizioso e interessante che prende il nome da un antico simbolo tipografico, usato solitamente per dividere i capitoli, e che si propone di lanciare sul mercato autori e opere interessanti e fuori dal comune. “Diamo molta importanza allo stile, vorremmo pubblicare delle penne originali, che si riconoscono dopo poche righe, capaci di sorprendere i lettori”, hanno spiegato Elena Zuccaccia e Costanza Lindi, socie fondatrici, in un’intervista al sito “Umbria24”. E Cicero originale lo è sicuramente. È davvero un esperimento interessante, un libro molto curato che si può leggere oppure consultare e che è quasi un manufatto, data l’estrema attenzione ai particolari con cui è stato redatto. Un vero e proprio viaggio, corredato da belle immagini e citazioni da film, canzoni e opere letterarie, in un universo linguistico che molti pensano di conoscere ma che invece nasconde tante piccole grandi espressioni, magari entrate nel linguaggio quotidiano ma che probabilmente quasi nessuno si accorge di utilizzare; o meglio spesso accade a molti di noi di utilizzarle senza esserne del tutto consapevoli.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER