Conosci l’estate?

Conosci l’estate?

Palermo, il primo agosto e il primo giorno di ferie per la giornalista romana quarantenne Viola, i 40 gradi sono resi ancora più insopportabili dal vento impietoso dello Scirocco che è “come avere un phon bollente perennemente puntato addosso”. Viola vive in un appartamento con il suo gatto e si è trasferita a Palermo 11 mesi fa un po’ per caso, in realtà aveva chiesto di essere spostata nella redazione ADI di Milano, anche per poter seguire meglio la sua cura neurologica, dal momento che le è stata diagnostica una malattia degenerativa. Ma quando le è stata assegnata Palermo, Viola ha accettato la nuova sede come se fosse un segno del destino: perché aveva bisogno di ripartire da zero e perché vivere a Palermo è un po’come essere all’estero e avere al contempo “un manuale di istruzioni sull’Italia”. Proprio dall’edizione meridionale del telegiornale dell’ADI, Viola scopre che una giovane studentessa di vent’anni di nome Romina, è stata strangolata. Non appena si viene a sapere che Romina frequentava Zefir, noto cantante palermitano, la notizia balza alle cronache nazionali ravvivando il dormiente agosto italiano, in cui politici, magistrati, manager di grandi aziende e perfino calciatori sono in vacanza. Vacanze che Viola, a maggior ragione, decide di non trascorrere lontano dal centro della vicenda, un po’ per indomita curiosità giornalistica e un po’perché non saprebbe dove e con chi trascorrerle. Proprio quando tutte le piste sembrano convergere verso Zefir come principale indiziato, Viola invece non crede che una persona color carta da zucchero possa avere così tanta energia per commettere un omicidio. La giornalista soffre infatti di un disturbo neurologico (che però lei preferisce definire caratteristica), la sinestesia, attraverso la quale Viola percepisce un colore per ogni persona...

La vicenda è tutta racchiusa nei primi nove giorni d’agosto che suddividono così i capitoli di questo giallo palermitano, arricchito da diverse sfumature noir. Tramite la sinestesia di Viola, il lettore viene coinvolto in questo percorso sensoriale e cerca, insieme alla conduttrice TV, di arrivare alla verità. Sullo sfondo la Palermo de Il Gattopardo, in cui “tutto cambia affinché niente cambi”, dove l’omertà è ancora un valore, dove si è amici di tutti ma non ci si fida di nessuno, dove i quartieri più popolari si mischiano a quelli dei più ricchi, dove si aggirano ancora i posteggiatori abusivi e dove, nel contempo, si svolgono interessanti mostre d’arte e manifestazioni contro la violenza sulle donne organizzate dalla cosiddetta società civile. Una Palermo ricca di contraddizioni, dove questi due mondi sono rappresentati talmente chiusi in sé stessi che la critica all’autoreferenzialità della società civile e del circo mediatico traspare alquanto chiaramente. Una Palermo, dove Viola si muove molto lentamente, stremata dall’afa asfissiante, ma soprattutto dalla sua malattia che le richiede una fatica immane anche solo per tenere l’equilibrio, figurarsi per camminare. Una malattia a cui però Viola non intende in alcun modo soccombere, tant’è che continua non solo a sfinirsi con le sue passeggiate fino ad arrivare al limite della sua autonomia, ma è soprattutto una malattia di cui nessuno sa nulla, forse perché, nonostante gli undici mesi a Palermo, la conduttrice non sente di aver trovato dei veri e propri amici nella nuova città, ma forse anche perché il muro che Viola ha eretto sulla propria vita privata le permette di non essere commiserata. Simona Tanzini, giornalista romana trasferitasi a Palermo, esordisce sul panorama letterario con la stessa casa editrice che ha decretato la fama di Andrea Camilleri. Ovviamente non possiamo sapere se la giornalista Viola riscuoterà lo stesso successo popolare del commissario Montalbano, ma sappiamo già che il lettore non vede l’ora di ritrovare al più presto la conduttrice dell’ADI impegnata in qualche altro caso di cronaca nera.



0

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER