Salta al contenuto principale

Fate delle tenebre

Ellen è ancorata al bancone del bar alle prese con l’ennesimo sorso di whisky scadente. Tra un bicchiere e una sigaretta sembra non accorgersi dello squallore che regna intorno a lei, arenata sul fondale come un relitto dopo una tempesta sembra non riuscire a rialzarsi. Il suo a dir poco losco compagno Lloyd è lì che chiacchiera con aria spensierata, sua figlia Kaye invece ha lo sguardo rassegnato di chi le ha provate tutte per tirarla fuori dal fango, inutilmente. Ha sedici anni Kaye, capelli biondi e ricci e i tratti da orientale: è per metà giapponese, da quando è a Philadelphia non li ha più visti i suoi “amici immaginari”, solo squallore, bourbon e puzzo di sigarette. Ma ora che Lloyd per poco non le accoltella di fronte a tutti e finisce in galera, lei e sua madre si ritrovano senza casa e devono tornare sulla costa, a casa della nonna. Lì forse rivedrà Janet, e magari anche i suoi amici così “speciali” che un tempo venivano a trovarla...

La trilogia magica e oscura ambientata da Holly Black nel mondo delle fate è qui raccolta in un unico volume. Il primo libro, La fata delle tenebre, racconta la storia di Kaye e il suo ingresso non fortuito né casuale nell’alter-mondo di magia e oscurità che la vedrà coinvolta fino all’epilogo. Il secondo libro, Le fate sotto la città, introduce il personaggio di Val, anche lei soggetto ai margini e problematico, che si ritrova a vivere nei bassifondi per poi entrare in contatto con l’universo soprannaturale. Il capitolo conclusivo, La guerra delle fate, tira le somme della trilogia e risolve i problemi sentimentali delle due giovani protagoniste. Non pochi i cliché del genere urban fantasy, qui riproposti anche con un sapiente uso della parola e dell’intreccio, dalla scelta di protagoniste adolescenti con parecchi problemi alle spalle, alla centralità dell’aspetto amoroso che si rivela coinvolgente e diventa motore dell’azione interna alla trilogia, sino alla riproposizione dell’esistenza di due mondi paralleli. La Black - ormai affermata autrice di genere a livello mondiale - ha esordito proprio con La fata delle tenebre pubblicata da Simon & Schuster nel 2002, proponendo un suo stile narrativo efficace e preciso, anche se non ancora all’altezza delle firme più luminose nel panorama della letteratura paranormal romance. Sono poi arrivate Le cronache di Spiderwick (scritto a quattro mani con Tony di Terlizzi) e Magisterium in coppia con Cassandra Clare, insieme ad altri libri che hanno arricchito il suo palmares, anche se Doll Bones è forse fino ad ora la prova migliore della scrittrice. Per tutti gli appassionati del mondo magico comunque questo volume è fortemente consigliato.