Il passato non muore

Jack Reacher si sta dirigendo verso sud, ma non lungo la costa. Ha scelto una rotta diagonale e vorrebbe passare attraverso Cincinnati, St Louis, Albuquerque. Ha pensato di intraprendere un vero e proprio viaggio on the road, uno di quelli che non gli capitano più da troppo tempo. In realtà, però, non va molto lontano. Il primo automobilista che gli dà un passaggio, su una Subaru station wagon nuova di zecca, è diretto a Boston, ma una telefonata improvvisa, dopo cinquanta minuti di viaggio, lo costringe a tornare indietro, non prima di aver fatto scendere Jack dall’auto in un imprecisato luogo, su una strada ben tenuta, a due corsie, completamente deserta. Tre chilometri dopo, davanti a Reacher si presenta un bivio, deve scegliere se svoltare a destra o a sinistra. Entrambe le strade scompaiono in mezzo ad alberi così maestosi da formare un tunnel. C’è un cartello: una freccia orientata a sinistra indica Portsmouth, mentre un’altra orientata a destra indica Laconia, un nome che Jack conosce, perché lo ha letto sui documenti storici di famiglia ed ogni tanto lo ha sentito menzionare. Si tratta del luogo in cui è nato suo padre - ora defunto - e nel quale è cresciuto fino a quando, a diciassette anni, è fuggito per arrolarsi nei marine. Portsmouth o Laconia, dunque? Certo nella prima località, più affollata e trafficata, sarà più semplice trovare un passaggio per Boston e poi San Diego. Ma l’idea di trascorrere una giornata a Laconia lo attrae moltissimo, così fa un passo a destra e sceglie quest’ultima direzione. Nello stesso istante, a circa cinquanta chilometri di distanza, su un’altra strada secondaria, una coppia di venticinquenni - Shorty e Patty, nati e cresciuti in Canada - sta transitando a bordo di una Honda Civic. Stanno procedendo verso New York - hanno delle cose da vendere in quella città - ma sono piuttosto in ritardo rispetto alla tabella di marcia, in quanto l’auto piuttosto vecchia ogni tanto fa i capricci e continua a surriscaldarsi. Forse è il caso di fermarsi per la notte e cercare qualcuno che possa dare un’occhiata alla Honda. Scorgono la provvidenziale insegna di un Motel a destra, all’imboccatura di una strada stretta…

In tutti i romanzi della serie che ha come protagonista Jack Reacher - spirito libero che non ha un recapito né una casa, beve il caffè e non ama gli alcolici, non ha un mezzo di trasporto proprio e si muove in treno, in autobus o in autostop, non ha bagagli ad eccezione di uno spazzolino da denti pieghevole - lo schema si ripresenta sempre uguale: l’ex ufficiale della polizia militare, due metri di altezza ed una montagna di muscoli, non è mai alla ricerca di guai, ma, in un modo o nell’altro, sono loro che lo scovano e finiscono per coinvolgerlo in missioni spesso rischiose e singolari, alle quali partecipa sempre e solo in nome del suo radicato senso di giustizia. Jack interviene se qualcosa non risponde alla sua idea di legittimità, corregge la situazione e riprende il suo vagabondare, fino alla successiva avventura. In questa nuova vicenda Reacher, giunto per caso nel paese di origine del padre, morto da tempo, è alla ricerca delle proprie radici e si ritrova ad indagare su parecchi aspetti oscuri legati alla sua famiglia. Mentre tenta di ricostruire le tracce paterne e di fare chiarezza, poco distante da lui una giovane coppia, bloccata in un motel situato in mezzo al nulla, è costretta a prender parte ad un gioco molto inquietante, in bilico tra vita e morte. In una sequenza di eventi ricchi di tensione, la ricerca di Reacher si intreccia con la vicenda dei due giovani e Jack, come al solito, riuscirà a scovare e a colpire i cattivi della storia, grazie ad un perfetto mix di tattica, forza e brillanti intuizioni. Lee Child, come al solito, convince, con la sua prosa diretta ed asciutta, che non ha bisogno di indulgere in effetti speciali per risultare ancora avvincente dopo ben ventitré romanzi con lo stesso protagonista. La saga pare tuttavia essere arrivata ad un punto di svolta, dal momento che Child ha dichiarato di avere in progetto la scrittura delle prossime tre avventure di Reacher insieme al fratello Andrew Grant, per finire poi per passargli interamente il testimone. Da un certo punto in poi, quindi, i nuovi romanzi che vedranno Jack come protagonista porteranno la firma di Andrew Child.

 


 

0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER