Salta al contenuto principale

Imparare a parlare con le piante

Quando si è troppo impegnati a vivere la propria vita, la morte appare come un miraggio lontano, qualcosa che appartiene solo agli altri e che non è in grado di ferire l’anima. È questa la sensazione provata da Paula. Presa dalla sua relazione difficile con Mauro, non ha tempo di pensare alle tragedie che investono la vita, senza preavviso. Fino a quando una macchina investe il compagno proprio il giorno in cui lui aveva deciso di lasciarla. Da quel momento Paula rimane schiacciata dal dolore per la perdita di un uomo che amava e per il senso di abbandono. Ma quello che ferisce maggiormente la donna è la scoperta dell’infedeltà di Mauro, una verità che ora non ha più senso svelare agli altri. Ormai Paula è sola e il suo unico impegno è quello in ospedale, dove lavora come neonatologa. Lei sa che deve andare avanti e vivere la sua vita, una verità che i suoi amici e suo padre continuano a ripeterle. Un giorno all’aeroporto di Amsterdam incontra Quim, uno sconosciuto con cui decide di passare qualche notte di passione, cercando di cancellare dalla sua mente il ricordo dell’ex compagno. Ma questo non basta ad alleviare quel senso di vuoto e di inadeguatezza che la donna si porta dietro. Perché non riesce ad andare avanti? Perché non può darsi pace per quel tradimento? Nonostante tutto lei ama ancora Mauro. Ma presto si renderà conto di essere pronta ad aprire di nuovo la porta del suo cuore…

Imparare a parlare con le piante è il primo romanzo di Marta Orriols, che ha riscosso grande successo di pubblico e di critica. L’autrice affronta il tema della morte in modo delicato cercando di approfondire le emozioni di chi ha subito la perdita di una persona amata e odiata al tempo stesso. Nella vita quotidiana quanto facciamo caso agli eventi tragici che accadono nel mondo? Spesso sono situazioni che consideriamo distanti da noi. Paula, la protagonista del libro, pensava di avere tempo per salvare la sua relazione con Mauro. Invece con la sua scomparsa non è venuta meno solo la sua vita ma anche la loro relazione: ormai è vana e ogni speranza di recuperare il loro rapporto o di perdonarsi a vicenda. La morte “aggiusta tutto ciò che non si può aggiustare, è irreversibile e travisa tutto”, rendendo innocente un uomo che, con il suo tradimento, ha causato molto dolore. Infatti Paula è ferita dalle sue menzogne e vive divisa tra l’odio e l’amore verso Mauro. Come reagire a tutta questa sofferenza? Imparando a parlare con le piante a cui Mauro dedicava amorevoli cure quando era in vita. Questo diventa un modo per riconnettersi con lo spirito del defunto che, attraverso la memoria delle sue passioni, troverà una nuova vita.