Salta al contenuto principale

L’estate di Piera

L’afa avvolge Roma. Alex, completo blu senza cravatta col colletto sbottonato, entra in un bar affollato nei pressi di Piazza Navona. Si mette in disparte; di fianco a lui c’è una ragazza avvenente, abito bluette, scollo profondo e sandali argentati. In mezzo a quell’aitante marea di giovani alti e depilati, Alex pensa che non lo noterà mai. Ordina un Moscow Mule. La ragazza si avvicina e gli chiede com’è il drink. Si chiama Chiara. Alex è stordito. I due, dopo qualche Negroni e pochi tranci di pizza, si dirigono al B&B dove lei alloggia per tirare cocaina e fare sesso. Alex ha le fauci secche. La coca prosciuga la bocca, ma “a dissetarlo basterebbe una goccia, ed è la goccia di sudore che scende dal collarino d’argento di Chiara, dritta verso la strettoia fra i seni. Alzano il volume della musica per coprire i gemiti… La stessa sera Piera Drago si trova al cospetto delle Terme di Caracalla, ospite di un incontro pubblico sui vizi capitali. Le viene chiesto qual è il suo peccato preferito e Piera risponde l’invidia. Invidia gli attori maschi che hanno impersonato il Riccardo III di Shakespeare, perché la ritiene un’ingiustizia. Il Riccardo III è in tutti, uomini e donne. Terminato l’evento, torna a casa in taxi. Il viaggio di ritorno è un’odissea tra i cantieri degli scavi, i camion della nettezza urbana e i giovani che riempiono le strade. Arrivata al proprio stabile, si accorge che dal B&B del primo piano arriva musica ad alto volume. Mentre sale le scale, la musica viene spenta all’improvviso…

L’estate di Piera è la prima collaborazione narrativa tra Piera Degli Esposti, attrice e regista, e Giampaolo Simi, scrittore noir tra i più conosciuti in Italia. Non si tratta del primo romanzo collaborativo cui partecipa Piera degli Esposti: nel 1980 pubblica, insieme a Dacia Maraini, Storia di Piera (Bompiani, 1980; Rizzoli, 1997), per poi replicare nel 2003, sempre insieme a Maraini, con Piera e gli assassini (Rizzoli, 2003). La protagonista è l’alter ego di Degli Esposti, un’attrice affermata, sempre sulla cresta dell’onda e che, dall’alto della sua esperienza umana e artistica, sforna idee innovative – come far interpretare a una donna, se stessa, il ruolo di Riccardo III nell’omonima opera teatrale di Shakespeare. Tuttavia Piera non è solo un’attrice navigata, ma anche un’abile osservatrice dei comportamenti umani. Le sue capacità intuitive la portano a seguire sin da subito la pista giusta nel caso della scomparsa di Chiara, dovendo presto fare esperienza delle lungaggini della burocrazia romana e della lentezza delle indagini della polizia. Si potrebbe dire che proprio Roma è il co-protagonista di questo romanzo, con le inefficienze e le brutture che ne caratterizzano i flussi, e la fatiscenza che si apre in scorci di sogno. Dietro Roma c’è una torma di losche figure senza scrupoli che tramano nell’ombra, pronte a crearsi l’occasione per favorire i propri interessi. Nel magma ribollente che è Roma, Piera è come una luce nell’oscurità: regge la lanterna che dipana le ombre, ignara che la fiammella che trasporta potrebbe scatenare un incendio.