La Banda dei Cinque - Mistero in spiaggia

È di nuovo estate a Kirrin Island. I fratelli Julian, Dick e Anne raggiungono la cugina Georgina, detta George, nella sua casa al mare, con la prospettiva di trascorrere due settimane di vacanza senza genitori. Abituati a passare insieme tutta l’estate, i ragazzi credono che quest’anno non ci sarà tempo per le avventure: due sole settimane non consentiranno loro le solite esplorazioni, ma sarà comunque divertente stare in spiaggia tutto il giorno! È proprio in spiaggia che i Cinque – i cugini Kirrin con l’inseparabile cane Timothy – incontrano Jo, una strana ragazza che sulle prime sembra un ragazzino, proprio come Georgina. Jo è in compagnia di suo padre, un uomo dagli occhi cattivi, e sembra che i due non abbiano in mente niente di buono. Quella sera, quando Julian, il più grande del gruppo, si occupa di chiudere le finestre di Kirrin Cottage prima di andare a dormire, non nota niente di strano. Allora perché Timmy si sveglia e annusa qualcosa di insolito nell’aria? È Anne a urlare per prima: ha visto un volto spaventoso fissarla dalla finestra! L’indomani mattina, in spiaggia c’è di nuovo Jo, che sembra fare di tutto per stare in compagnia dei Cinque. È molto trasandata, ha lo stesso caratterino di George, e sa parlare la lingua dei cani, perché sua madre, prima di morire, lavorava in un circo... Chi è questa strana ragazzina? Ci si può fidare di lei?

Qualcuno pensa ancora che due sole settimane di vacanza non siano sufficienti per un’avventura? Non per la Banda dei Cinque! Questa volta a sparire saranno George e Timmy, mentre Julian e gli altri si troveranno alle prese con un’inquietante richiesta di riscatto. Siamo alla nona storia che ha come protagonisti i cugini Kirrin, amici inseparabili e straordinariamente abili a trovarsi in mezzo alle vicende più avventurose. Kirrin Island ha una tale incidenza di furti, sparizioni e loschi avvenimenti, che nessun genitore ragionevole si ostinerebbe a lasciare i suoi figli a trascorre l’estate laggiù! Ma uno degli elementi che costruiscono il fascino di queste avventure è proprio l’assenza degli adulti, al più spettatori distanti, che lasciano campo libero a questo gruppo di intraprendenti ragazzi. Enid Blyton, classe 1897, è una delle autrici per ragazzi più amate e tradotte, e non stupisce che venga oggi ripubblicata a distanza di molte decine di anni: a parte per l’assenza dei cellulari, quasi non ci si accorge che si tratta di storie di qualche tempo fa. La copertina di questo nono volume è disegnata da Babette Cole. Piacerà ai lettori dagli otto anni circa, che abbiano il gusto per l’avventura, per i pic-nic e per il mistero.

 


 

0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER