La forza del sangue

La forza del sangue

In una calda sera d’estate a Toledo la sedicenne Leocadia, figlia di un gentiluomo del posto, passeggia tranquilla lungo il fiume con la sua famiglia e una serva. Ad un tratto un nobile ventiduenne di famiglia illustre ma cattive compagnie, incrocia con quattro amici di bagordi la famigliola. I cinque “rompicollo” non mancano di insolentire i malcapitati ma tirano oltre. Tuttavia a Ridolfo – il nome è fittizio – non è sfuggita la bellezza della giovinetta e così, preso da desiderio improvviso, si risolve a tornare indietro e rapirla. La conduce nelle sue stanze nel palazzo paterno e approfitta di lei mentre giace svenuta. Appagata la lussuria e compiuto il misfatto, non appena la fanciulla rinviene, forte della sua confusione, la benda e la abbandona per strada. Ignora che Leocadia aspetta un bambino e continua la sua vita da ricco nobilotto in Italia. Quando nasce Luigi la famiglia di Leocadia lo cresce con amore e il piccolo, bello come un puttino, è da tutti apprezzato per la sua intelligenza e nobiltà d’animo. All’età di sette anni però gli capita un incidente e viene travolto e quasi ucciso da un cavallo. Un gentiluomo anziano di passaggio, colpito dalle fattezze gentili del bambino che gli ricordano tanto suo figlio, lo fa portare a palazzo perché sia curato nel migliore di modi. Non può certo immaginare il buon uomo chi abbia salvato quel giorno… Sancio Pancia è sommamente felice perché è stato nominato governatore dell’isola di Barattaria, “dove mi porto con grandissimo desiderio di far denari, perché mi viene detto che tutti i governatori nuovi vi vanno con questo proposito”. Più felice di lui è sua moglie Teresa che già si immagina ricevuta a corte, e si affretta a comunicare in una lettera a suo marito anche la gioia della loro piccola:” A Sancetta tua figlia scappò l’acqua senza nemmeno che se ne accorgesse, per lo puro contento”. Quanto al suo padrone don Chisciotte della Mancia, ha per lui una raccomandazione importante:” Vestiti bene, che un palo ben vestito non pare più un palo”…

Il sottotitolo di questo libriccino della collana Pacchetti de L’orma, che ha per protagoniste le missive, recita: Lettere da ridere e una novella lacrimosa. E infatti comprende un racconto, precisamente il numero 5, della raccolta Novelle esemplari di Cervantes pubblicata nel 1613 e alcune lettere divertenti tratte dal Don Chisciotte. La novella è una bella storia di redenzione nella quale, per amore, un giovane scapestrato ritrova la retta via, e fa parte di una raccolta particolarmente importante dal punto di vista letterario perché si tratta della prima antologia di racconti brevi in lingua spagnola che riuscì a superare la resistenza – e i vari legacci – della censura dell’Inquisizione. La Spagna, infatti, era assolutamente restia ad accettare un modello letterario proveniente dall’estero così fortemente licenzioso (si pensi a Boccaccio) e fu solo il carattere in certo modo edificante di questi racconti a lieto fine a meritare il nulla osta ecclesiastico nel 1612. Preziosa è anche la lingua – tanto nella novella quanto nelle epistole – apprezzabile nelle traduzioni antiche di autori rispettivamente degli inizi del ‘600 e della fine del ‘700, “appena modernizzate nella grafia” che rendono bene lo stile un po’ barocco ma mirabile dello spagnolo secentesco di Cervantes, a dimostrare che “anche se le traduzioni invecchiano spesso più in fretta dei testi originali, i segni dell’età, come rughe d’espressione, possono essere inequivocabilmente segni di bellezza”, dicono gli editori nell’Introduzione. Quanto alle lettere, un po’ a carattere satirico, sono tratte dalla seconda parte del Don Chisciotte e si riferiscono ad uno scherzo che due aristocratici hanno architettato ai danni del povero Sancio Pancia. Questo libriccino dedicato a Cervantes è uscito insieme a quello dedicato a Shakespeare per celebrare la coincidenza della loro morte fissata al 23 aprile 1616. È assai probabile che si tratti di una forzatura eppure è di così grande fascino da essere stata comunque istituzionalizzata dall’Unesco che ha proclamato il 23 aprile, appunto, Giornata mondiale del libro. L’orma ha scelto di celebrare il 400° anniversario della ricorrenza con questa duplice uscita dalla accattivante e originale veste grafica. I libriccini, infatti, con una opportuna ripiegatura della sovracopertina, si possono spedire. Proprio coma le preziose lettere che ne sono protagoniste.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER