La scelta del buio

La scelta del buio

La morte di un poliziotto è sempre sconvolgente per i colleghi: non si impara a convivere con la morte, soprattutto quando sai che è con te in pattuglia, potrebbe essere dietro l’angolo ad ogni chiamata. Se poi il poliziotto si è tolto la vita è anche peggio, ognuno sa che potrebbe capitare anche a lui di cedere alla lusinga dell’oblio e troppe sono le domande che resteranno senza risposta. Il commissario Strega però non è uomo che possa convivere con i punti di domanda e l’unico modo che ha per sopportare l’isolamento (non quello personale di cui poco gli importa, ma quello professionale a cui l’hanno costretto relegandolo in ufficio dopo un “incidente” in cui Jacopo Di Giulio, il suo partner, è morto per un colpo partito dalla pistola di Strega), è che lo lascino tornare a indagare. Palamara, forse l’unico che sta dalla sua parte, lo coinvolge nell’indagine sulla morte di Larocca. Le evidenze scientifiche dimostrerebbero il suicidio, ma un bravo investigatore sa quando qualcosa non torna. E qualcosa “sulla scena del crimine”, non quadra neanche a Strega, che incurante delle pressioni della Digos perché il caso venga archiviato procede scavando nella vita e nel lavoro del collega, fino ad arrivare alla conclusione che sì, Roberto Larocca si è sparato ma certamente non di sua sponte…

Di padroneggiare la lingua Piergiorgio Pulixi lo ha dimostrato più che ampiamente sia con i cinque romanzi della serie di Mazzeo , sia con i racconti – più che notevole l’ultima raccolta, L’ira di Venere, di storie declinate magistralmente al femminile – ma questo autore poco più che trentenne con il secondo romanzo che vede protagonista il commissario Vito Strega ha dimostrato che sta continuando a crescere anche nel ruolo di costruttore di storie. Il personaggio è affascinante senza essere artefatto. La solitudine post divorzio vissuta senza piagnistei, ‒ una gatta semiselvatica e una tredicenne con cui ha stretto un patto segreto: lui la lascia fumare sul suo terrazzo e lei si impegna a leggere i libri che lui le consiglia sono la sua compagnia, se vogliamo escludere la quantità di cd e libri che hanno ormai invaso la casa. Bello ma non vanesio, fisicamente imponente ma non violento, tre lauree e un intuito che ne fa un poliziotto con una marcia in più. I lettori più attenti riusciranno a cogliere le due anime di questo romanzo: quella gialla (l’indagine non ha la benché minima sbavatura) e quella noir, in cui Pulixi indaga senza pietà l’anima dei protagonisti. La scrittura è pulita, essenziale senza mai essere scarna. Particolarmente curati i dialoghi che, modulati come su una scala musicale, identificano esattamente gli stati d’animo e le situazioni. L’augurio è che i programmati 13 volumi che comporranno I canti del male (il primo è stato Il canto degli innocenti) vedano la luce completando l’escalation che si inizia in questo.



Fai una donazione!

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER