Salta al contenuto principale

Le due battaglie dell’Atlantico

Le due battaglie dell’Atlantico
Non si può dire con certezza quando per la prima volta nella storia sia stato portato avanti il progetto - o meglio il tentativo, sia pur in fase più che embrionale - di concepire delle imbarcazioni che, a differenza di tutte quelle vedute fino ad allora, dalla mitica e mitologica Argo in giù, anziché muoversi al di sopra del pelo dell’acqua navigassero, silenziose, potenti e inafferrabili nelle viscere del mare, ventimila leghe sotto, per dirla con Verne. Probabilmente nell’antichità un forte incentivo a tentare di sviluppare una tecnologia di questo genere è stato dato dai blocchi navali: quando una città è cinta d’assedio, deve venire in mente in modo piuttosto spontaneo all’assediato quanto sarebbe comodo sgattaiolare via fra le gambe dell’invasore impossibilitato a opporsi. E poi, nel corso dei secoli e fino alla Seconda Guerra Mondiale, qual è stata la storia del sottomarino e la sua importanza strategica e militare?
Questo volume è molto interessante: parla dei tentativi che la Germania compì, tra gli altri, per vincere le due guerre mondiali attraverso le offensive contro il traffico marittimo nemico sferrate dai suoi battelli sommergibili, i famigerati U-Boote. Antonio Martelli, a lungo docente di Strategia e politica aziendale presso l’Università Bocconi di Milano, ha redatto un testo chiaro e densissimo, che si legge con la facilità romanzesca con cui si sfogliano le pagine di una storia. In questo caso, della Storia. Quella che ha avuto luogo nel cosiddetto secolo breve, e che ha determinato quello che siamo ora. Sin dalla notte dei tempi, ognuno ha tentato di portare la battaglia sul terreno che gli era più congeniale: i tedeschi tentarono la strada delle profondità dei mari. Questo libro spiega con dovizia di particolari, estesa bibliografia e discreta iconografia come, e perché.