Salta al contenuto principale

Le sette sorelle – La ragazza nell’ombra

Le sette sorelle – La ragazza nell'ombra
Autore
Traduzione di
Genere
Editore
Articolo di

Pa’ Salt l’ha chiamata Asterope, come una delle Pleiadi che brilla nel cielo insieme alle sue sei sorelle, ma lei preferisce farsi chiamare Star: nome breve e di poche pretese come in fondo è sempre stata lei da quando ha memoria. Ora che Pa’ è morto, il castello di Atlantis e i dolci ricordi d’infanzia lontani e le sue cinque sorelle sparse per il mondo, Star ha finalmente il tempo di riflettere su se stessa e sul suo passato. Quella porta non è mai stata aperta da quando Pa’ Salt l’ha adottata, né lei né le altre hanno mai conosciuto le loro origini, e forse è giunta l’ora di scoprirle per aprirsi al futuro. Prima di morire Pa’ le ha lasciato un indizio: una piccola pantera in onice e ambra e un nome, Flora MacNichol... È il 1909 e Flora trascorre le sue giornate esplorando la natura delle Lakelands, innamorata di Esthwaite Hall e dell’aria decadente e familiare che si respira tra le sue mura logore. Sua madre Rose e suo padre Alistair non hanno potuto farla debuttare a Londra per mancanza di soldi, ma a lei non importa, le bastano i suoi amici animali la passione per la botanica e il disegno a riempire le sue giornate, almeno finché Lord Archie Vaughan non fa capolino nella sua vita abitudinaria e in quella della sua amata sorella Aurelia…

Un filo invisibile lega le esistenze di Asterope e Flora, l’una ventisettenne alla ricerca di sé nella Londra del 2007, l’altra alle prese con le rigide convenzioni dell’età edoardiana. Un mistero che è solo l’inizio di una lunga catena di segreti e bugie, che affiorano a galla come il relitto di una nave fantasma. Tra i giardini incantati del Lake District britannico e gli scaffali polverosi di una libreria affacciata su Kensigton Church Street, continua la saga de Le sette sorelle, insieme affresco storico e romanzo d’appendice, apoteosi di ricordi persi e ritrovati. Superate le prime cento pagine che scorrono lente, come un buon vino la storia decanta e rapisce il lettore, mentre sprazzi dell’incanto senza tempo di Jane Austen fanno capolino qua e là tra i diari di Flora. Come Pa’ scrive a Star incoraggiandola nella sua ricerca “(…) Nel corso degli anni che ho speso su questa terra ho imparato che nulla può restare per sempre com’era, e aspettarsi questo, ovviamente, è il più grande errore che una persona possa commettere. Il cambiamento arriva, che lo si voglia o no, e in modi diversi”. Il cambiamento è necessario alla metamorfosi di Star da bruco a giovane a farfalla, solo la conoscenza del passato può aprirle le ali, anche se il difficile in fondo è spiccare il volo. Una storia al femminile che parla di indipendenza e coraggio, ove figurano en passant Beatrix Potter e Vita Sackwille West, l’una illustratrice per l’infanzia l’altra poetessa dalla vita scandalosa, totem di quella letteratura in rosa che ha segnato il primo ‘900 inglese. Aspettando i prossimi cinque volumi della saga, non resta che godersi una Lucinda Riley ispirata.