Salta al contenuto principale

Lezioni di giardinaggio planetario

Lezioni di giardinaggio planetario
Quando da piccola camminava con la madre, “sioretta di periferia”, Lorenza Zambon ha scoperto una volta per tutte cosa fosse e come fare una talea: si allunga la mano e con le unghie del pollice e dell’indice si stacca un rametto. E con questo piccolo gesto si “moltiplica” una pianta. Da allora di strada (verde) ne ha fatta molta, fino ad arrivare al teatro-natura, alla casa degli alfieri, ai sacchi della spazzatura raccolta su un’Interpoderale piemontese per mostrare al pubblico l’umana natura, ai bulbi piantati per comunicare messaggi di resistenza. A conoscere esempi viventi di pacifica opposizione, come quei sindaci che decidono di porre fine al consumo del territorio, o chi decide a Brugherio di demolire dei garage per costruire un giardino, o come i guerrilla gardener che passano una domenica lanciando bombe di semi o donando aiuole piene di fiori e piante a quartieri tristi e pieni di cemento…
Versione cartacea di un bellissimo spettacolo itinerante, capace di allargare lo sguardo ed illuminare, questo libro è un’esperienza, un racconto verde su come l’uomo, e di conseguenza il pianeta, possa ancora riuscire a trasformarsi in un essere in grado di rispettare ciò che lo circonda. I mille racconti di giardinaggio riuscito, anche quelli piccoli, quotidiani, vicini, donano infatti un certo senso di speranza, quasi una possibilità di redenzione dell’umana specie. Attraverso i semi, piccole astronavi capaci di viaggiare nello spazio e nel tempo (la definizione è di Rosa Camoletto), le piante, gli alberi o semplicemente le erbacce si riappriopriano del loro spazio, radicano lì dove l’uomo le aveva dimenticate o ricoperte di cemento. Accostando personalità come Vandana Shiva, Mario Rigoni Stern, Gilles Clement a giardinieri/uomini illuminati meno noti (come Nandino di Antignano), Lorenza Zambon ci dona la lezione più importante: tutti possono agire per cambiare.