Salta al contenuto principale

Mani bucate

Mani bucate
Ogni anno un quantitativo spropositato di denaro transita dalle casse pubbliche alle casse dei privati. Un fiume di soldi che gli italiani versano, attraverso le tasse, e che vanno a finire dritti dritti a rimpolpare le tasche di imprenditori e le casse delle loro imprese. Un numero talmente imprecisato da fare impallidire i cosiddetti dati ufficiali, che non sono in grado di contenere il dato vero, la cifra reale di questo sperpero. Neanche lo Stato sa quanto versa e per una questione molto semplice, talmente banale da creare sacche di speculazione inaudite: il meccanismo di concessione dei fondi è strutturato in maniera caotica e declinato in una miriade di leggi di spesa finanziate da centinaia di enti erogatori che hanno a disposizione svariati modi per pagare le aziende. Così, in questa bolgia, ognuno è libero di dichiarare quello che vuole certo che nessuno sarà mai in grado di effettuare i controlli necessari per smentirlo, eventualmente. E se c’è chi intasca da un lato, c’è anche chi eroga dall’altro: lo Stato, i fondi europei, gli interventi regionali. Ma quanti sono questi soldi? Nel bilancio del 2010 si parla di 40 miliardi di euro sborsati dallo Stato e spariti nei sussidi ad aziende di ogni foggia, misura ed italica latitudine. Storie di imprese grandi e piccole dalla Fiat ai produttori di bottoni, tutte dedite al loro sport nazionale: accedere a sconti fiscali e traccheggiare sul pagamento delle imposte. Con un risultato: se è difficile stabilire quanti soldi spendiamo per farcire le aziende, figurarsi scoprire quante sono quelle sussidiate…
Il solito lavoro certosino a cui chi scrive per i tipi di Chiarelettere ci ha ormai abituati. Per scoprire come si sprechi il denaro pubblico e soprattutto quanto se ne sprechi serve risalire tutta la filiera dei finanziamenti fino a raggiungere la fonte spulciando migliaia di rapporti di centinaia di centri di spesa. Documenti in cui sono scritti nero su bianco i nomi di società banche e multinazionali che hanno “rubato” (si può dire) miliardi di euro senza produrre alcunché in termini di crescita o di occupazione. Cobianchi svolge un lavoro di inchiesta imbevuto di nomi e numeri, conti e incartamenti in cui non si risparmiano nemmeno nomi grossi come la Fiat o i Moratti in un tourbillon di richieste di aiuti, l’apoteosi scenica del sussidio, l’acme dello sperpero. Non è una lettura immediata, una lettura da ozio, diciamo. Richiede molta attenzione: i non addetti ai lavori, quelli che hanno poca dimestichezza con le voci dei bilanci o con le leggi finanziarie potrebbero ogni tanto smarrirsi, dover tornare indietro, sbatterci un po’ la testa, insomma. Resta il fatto che è l’ennesima lettura necessaria per capire dove vanno a finire i soldi dei contribuenti, farsi un’idea, quindi, di quanto i pachidermi economici privati, tutto sommato, vivono, vivacchiano o prosperano grazie al sussidio dei fondi pubblici.