Memorie d’autunno

Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Sophia non ha mai amato l’autunno, una stagione malinconica, di passaggio. Proprio come lo è la sua vita in questo momento. È ormai entrata nell’autunno della vita e ha deciso di tornare a Napoli, la sua città, per recuperare quel passato che ormai ha dimenticato. Tutta colpa di quel “male”, che come una spugna ha rimosso i ricordi. Sono passati ormai oltre trent’anni e Napoli è cambiata. Sono cambiati i vicoli, è cambiato il Vomero, il suo quartiere. Sophia è una straniera nel suo stesso mondo. Ma ci sono cose che non cambiano mai, come l’amore per Helios. L’ha incontrato negli anni ’70, ai tempi dell’università. Lo scrittore greco l’aveva affascinata sin da subito. Ne era nato un amore straordinario, mai vissuto a pieno, denso di tormenti interiori, ostacoli, spesso in contrasto con le ambizioni di libertà e realizzazioni personale di Sophia. Uno scontro che l’aveva portata a fuggire verso Palermo…

Per Sophia, la voce protagonista di Memorie d’autunno. Una vita d’amore (e oltre) di Maria Gargotta, non è per niente vero che non esistono le mezze stagioni. Ce n’è una: l’autunno appunto, molto ben definita e che ha sempre rifiutato. Adesso si ritrova esattamente nell’autunno della sua vita, con un passato che non ricorda e che sente il bisogno di recuperare rientrando a Napoli, la sua città. Un percorso attraverso quelle strade che l’hanno vista crescere e maturare, che adesso ha difficoltà a riconoscere, un percorso personale, attraverso i ricordi della sua giovinezza, nel tentativo di recuperare quello che ha perduto. Come l’Amore per Helios. Maria Gargotta costruisce la figura di una donna indipendente e fragile allo stesso tempo. Sophia ha settant’anni, è una scrittrice affermata, figlia di una generazione di donne guerriere e sognatrici, sempre in lotta con il suo passato, quello che è rimasto aperto e mai definito. Paradossalmente è un passato che non ricorda. Attraverso i vicoli di Napoli avviene il recupero e la risoluzione di quel passato, in un continuo avanti e indietro nel tempo, con pezzi di ricordi che riaffiorano piano piano. Sophia li gusta, con nostalgia, ma con nuove consapevolezze e con la maturità di una donna che ha fatto delle scelte, a volte difficili, ma fondamentali per la sua affermazione. Una donna che adesso continua a passeggiare nella città che l’ha vista fuggire e tornare, in una passeggiata emotiva verso la stagione invernale.

 


 

0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER