Morte di un commesso viaggiatore

Morte di un commesso viaggiatore

Sono trentaquattro anni che Willy Loman viaggia da una parte all’altra degli Stati Uniti per vendere, tramite i suoi prodotti, se stesso. Sorriso smagliante, battuta pronta, abito ben stirato e scarpe sempre lucide: questo è il segreto per far colpo, perché non è tanto ciò che vendi ma come lo vendi. Linda, sua moglie, è una donna devota e paziente mentre i suoi due figli, Biff e Happy, gli danno di tanto in tanto qualche preoccupazione. Soprattutto Biff, con il quale non si può certo dire che vada d’accordo; quel ragazzo ha sempre la testa tra le nuvole e ancora non è riuscito a concludere niente nonostante non sia più un bambino. Da qualche tempo però nella testa di Willy si è fermato qualcosa. Non è più brillante come un tempo e sembra che i clienti se ne siano accorti. Lo smalto dei bei tempi è svanito e con esso anche le vendite…

L’opera di Miller è un viaggio nel lato oscuro del sogno americano, incarnato appieno dal protagonista, un venditore di successo ormai sul viale del tramonto, non più produttivo, non più utile e quindi condannato all’oblio. Willy Loman è un uomo smarrito e nostalgico, prigioniero di numeri e responsabilità, dedito al lavoro e al mantenimento di una famiglia alla quale non vuole far mancare nulla. Sono gli anni in cui il self made man va per la maggiore e non è raro che in questo periodo di boom ci si riesca ad arricchire davvero, se si riesce a sfruttare l’occasione giusta. Willy si butta a capofitto in quest’avventura, girando in lungo e in largo per gli Stati Uniti, alla ricerca di un sogno che alla fine si trasformerà in un incubo: ai primi cenni di cedimento nervoso per lui sarà la fine. Vestito solamente di disillusione e depressione vede crollare giorno dopo giorno tutto ciò che ha costruito in una vita di sacrifici. Se il prestigio di un uomo si misura dai soldi che ha e dalla posizione sociale allora Willy a sessantatre anni è un fallito senza entrate, senza lavoro e senza prestigio al quale resta solamente il più amaro dei commiati. Un requiem per un sogno infranto. Potente, allegorico, evocativo.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER