Nel libro della vita

Nel libro della vita
Josh va a studiare a San Francisco, il più distante possibile dalla Boston dei suoi genitori e loro, pur restando a vivere sotto lo stesso tetto, si allontanano sempre di più l’uno dall’altra… Jane, la figlia di Larry, non è più la ragazzina di un tempo, goffa e con l’apparecchio ai denti; è diventata tremendamente sexy e per quanto Abe tenti di resisterle (è la festa di Rosh ha-Shanà, Larry è il suo migliore amico e il suo socio in affari), non può far altro che spingerla contro il tavolo da biliardo e farsela… Charles è tornato a casa dei suoi, erano venticinque anni che non ci metteva piede. Ha fatto giusto in tempo per i funerali e per inscatolare gli oggetti che i due hanno accumulato nel corso della vita – su un bicchiere c’è ancora l’impronta di rossetto lasciata da sua madre… Henry è un pittore e nei suoi nudi c’è forse più di quel che racconta; alla sua fidanzata Catherine non resta che pagare una puttana per scoprire la verità… Il padre di Eric sta morendo e lui sta per perdere il lavoro, è appena andato a letto con Susan, ma nella sua mente aleggia ancora Jenny e quel giorno in cui lei ha scelto di abortire, senza dirgli niente… Jonathan e suo figlio Marc non riescono a comunicare, sono due perfetti estranei. Invece di andare al cinema a stare in silenzio, oggi vanno a far visita al padre di Jonathan: uno sconosciuto per entrambi… Il nonno di Daniel è un rabbino ed è appena stato licenziato, eppure una volta – quei due ragazzi innamorati, immersi nell’acqua, erano così felici – ha avuto la certezza dell’esistenza di Dio…
I sette racconti de Nel libro della vita, bell’esordio letterario di Stuart Nadler, somigliano a un particolare album di fotografie nitide, ricche di particolari, eppure atipiche: sullo sfondo, tre Stati dell’East Coast degli Stati Uniti – New York, Massachusetts e New Hampshire; in primo piano, l’incomunicabilità tra genitori e figli, i rimpianti, le occasioni perdute e le “piccole” tragedie quotidiane di alcune famiglie ebraiche. Sono le immagini che andrebbero cancellate e i momenti da non ricordare, quelli immortalati dall’autore: un ragazzino guarda per terra, anziché nell’obiettivo; un vecchio ha la bocca un poco aperta, sembra stia per dire quacosa; un uomo sui trent’anni rivolge lo sguardo ad altri pensieri. Ogni racconto è pieno, compiuto, denso e riesce a far risaltare, dopo appena una manciata di righe, sfumature di carattere e complessità: «Alla stazione ferroviaria di Back Bay, spicca in fondo alla folla, il più alto, i capelli tagliati corti, un soprabito grigio, un uomo. “Mio figlio” dico ad alta voce. […] Alle tre e dieci del mattino sono io la cosa più rumorosa nel raggio di alcune miglia, persino più rumorosa del rimbombo baritonale degli annunci registrati. Josh mi raggiunge a testa bassa, così serio dopo solo un trimestre di lontantanza da casa.» – è l’incipit di “Inverno lungo il Sawtooth”. E, tra ferite che non si rimarginano e madri che s’intendono più di drink che di figli, come un fiume carsico scorre la fede: prima inghiottita dalla sfiducia o dallo sfaldarsi, di generazione in generazione, dei rapporti umani; poi messa in luce – tra certezze e dubbi – da nonno Sy (una figura che da sola potrebbe essere materia per un intero romanzo) nel racconto “Oltre ogni benedizione”, uno dei più intensi assieme a “Lo sbarco sulla luna”.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER