Salta al contenuto principale

Raccontami la notte in cui sono nato

Raccontami la notte in cui sono nato
Lucien ha ventiquattro anni, una famiglia, un lavoro, un ex amore senza futuro e un certo numero di abitudini. Un giorno capisce che tutto questo non gli basta più e decide (complice una notizia carpita su Internet secondo al quale un giovane australiano ha messo all'asta la propria vita su e-bay per circa seimila dollari) di 'vendere' la propria esistenza a qualcun altro. L'intento è quello di passare a questo qualcuno la propria casa, il proprio lavoro, i propri amici, delegandogli responsabilità, presenza, routine. Filippo, studente di Medicina e disegnatore a tempo perso, è la persona prescelta. Gli accordi sono semplici, la fase preparatoria veloce e indolore per tutti: Filippo si sostituisce a Lucien e quest'ultimo parte per Milano alla ricerca di nuovi percorsi. Ma le cose non funzionano, qualcosa nel meccanismo si rompe ed entrambi i ragazzi si trovano a fare i conti con evoluzioni inaspettate e diverse consapevolezze, che li porteranno a recuperare identità e verità...
Ispirato a una storia realmente accaduta, corre via in un fiato l'ultimo libro di Paolo Di Paolo: ritmo incalzante, elegantemente originale, tempo che rincorre il tempo senza fermarsi. La vita di Lucien si annulla e paradossalmente si moltiplica; l'insoddisfazione che accompagna la prigione che ha dentro diventa il vuoto di chi si illude che siano solo le cose a dare senso a un'esistenza. Possiamo inventarci un'infinità di vite, ma non saremo mai in grado di vendere la nostra o di dimenticarla. Ci sono emozioni, sguardi, sorrisi e odori per i quali non può esserci un prezzo: il primo Natale, i castelli di sabbia di una vacanza al mare, la consistenza della neve alta di marzo. L'esperienza serve proprio a capire questo, a fermarsi, a realizzare, a recuperare. Ci si perde per avventatezza, per l'ingenuità dei vent'anni, ma non esiste un fantasma che, in un giorno qualunque, non possa tornare a chiederci delle risposte. E tra musica e parole, in un viaggio sommesso che è innanzitutto una mappa da decifrare, l'autore ci consegna, nello stile dotto e consapevole che lo contraddistingue, un bellissimo pezzo di moderna letteratura dalle grandi promesse.

Leggi l'intervista a Paolo Di Paolo