Ragazzi di zinco

Ragazzi di zinco

Il ragazzo è appena tornato dal fronte afgano. La mamma lo guarda felice visto che ha temuto il peggio per alcuni anni. Eppure il ragazzo non le parla tantissimo e non racconta mai ciò che ha visto, provato, sentito durante gli anni lontano da casa. Una sera, tornando a casa, la donna trova in cucina altri uomini con suo figlio: tutti reduci dalla guerra afgana. Sembra che un filo invisibile leghi sempre e comunque suo figlio a quella terra, come se mai fosse realmente tornato in Russia. Ormai la violenza fa parte della sua vita, ne è diventata elemento fondante… La ragazza fa l’infermiera. Ha ritenuto che servire la propria patria fosse il suo dovere. Si è dunque arruolata ed è stata mandata a Kabul: all’inferno. Molte le molestie subite dai commilitoni, molte le volte che ha dovuto difendersi dai loro tentativi di usarle violenza. Ora è tornata a casa, in Russia. Non lo rifarebbe mai. Per nessuna ragione al mondo tornerebbe al fronte a guardare con i suoi occhi quell’orrore… Moltissime le donne che portano la loro testimonianza. Quelle che hanno visto tornare i resti dei figli in una cassa di zinco che non hanno mai aperto. Il dolore è malcelato, il disappunto è tra le parole di ogni donna costretta a vivere con il lutto nel proprio cuore…

Svetlana Aleksievič, premio Nobel per la letteratura 2015, ha scritto questo lungo e doloroso reportage come ultimo atto della sua trilogia contro la guerra. In Russia questo suo lavoro è stato accolto da critiche durissime e severe. Il tentativo della scrittrice di dar voce a tutta l’umanità sofferente è stato visto come un atto per screditare la Russia e la guerra in Afghanistan marchiandola come un atto scellerato che ha portato conseguenze devastanti per la maggior parte della popolazione. Il punto ricorrente in questa narrazione corale e immediata della guerra afgana scaturisce proprio dalla dinamica tra istituzioni e soldato, tra il potere e la sua pedina umana, tra menzogna e verità: è unanime nelle voci degli “afgancy” lo sconforto per un sacrificio compiuto in nome di qualcosa che non esiste, il dovere internazionalista e la fratellanza col popolo afgano, per una guerra affrontata senza la minima preparazione tecnica e in condizioni atroci. La disillusione di molti ragazzi partiti sulla scorta di un ingenuo romanticismo si reitera all'infinito e pone ognuno di essi di fronte al lacerante conflitto tra il continuare a "credere" e la scoperta della verità che ha reso la formula sovietica un dogma ormai scarnificato e immobile. L'unica cosa che in questo scenario tremendo rimane vitale, fertile, è la narrazione, che mostra impietosa l'immagine di un dolore imposto dallo Stato, dell'annichilimento dell'essere umano nella tragedia collettiva della guerra.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER