Sognando la vita

17 maggio 2039, il giorno del suo centesimo compleanno, lo scrittore L.O. si sveglia con l’energia di un ragazzo. I sensori gli comunicano che la giornata è limpida. Guarda l’indice digitale della Plancia Dati e mentalmente fa partire il programma di Musica Classica… L.O. decide di andare a fare una passeggiata nel bosco vicino alla casa che negli anni Cinquanta abitava con i genitori e che allora odiava, forse, in campagna, ora ci sarebbe ritornato a vivere volentieri. L.O. esce dalla porta-finestra della camera e si ferma nervoso nella terrazza a picco sul mare. Salerno lo aspetta per la conferenza di chiusura del tour di conferenze, cosa avrebbe potuto raccontare all’uditorio per ricambiare l’accoglienza?... Violetta M* incontra Alfredo B* e si sente avvampare, perdutamente innamorata il rischio è di perdere il fiore della purezza a soli diciassette anni… Quando Delio Cubarga Jr. suona il campanello è un po’ teso, l’essere invitato per la festa di fine anno in casa di Delfina Valfresca è un vero onore… Delio Cubarga Jr. è amareggiato per la critica astiosa al suo manoscritto fatta da Ispirato Furioni, direttore dei Documenti/Ardimenti… Delfina Valfresca è delusa per aver scoperto che i suoi “amici” sono completamente privi di sensibilità, il colmo della sfiga: nessuno degli invitati al suo Natalino le aveva prestato la debita attenzione… Pourtant! Diceva la bella e elegante signora ogni volta che, secondo lei, i suoi ospiti avevano una caduta di stile nella conversazione… Aaron Greidinger non si era ancora abituato alla metropolitana americana. Oggi è particolarmente agitato, non è riuscito a scrivere il racconto per il Forward… Si guarda nello specchio, gonfia i muscoli, i pettorali, sguardo corrucciato e labbra umide, un fisico che fa invidia ai bronzi di Riace…

Sognando la vita è una raccolta di dieci racconti “scritti per il piacere di scrivere” nel corso di molti anni da Mario Biondi, giornalista pubblicista, traduttore e recensore per diverse testate, che nasce come poeta nell’adolescenza e diventa scrittore professionista negli anni Ottanta, quando, nel 1985, con il romanzo Gli occhi di una donna, gli viene assegnato il Premio Super Campiello. Biondi qui racconta storie argute che ci presentano personaggi dai nomi improbabili, ma dal carattere e dai comportamenti ben definiti, anche quando collocati in un futuro lontano. Uno stile semplice per rispondere, in maniera più o meno velata, a due quesiti principali: uno interroga se “nel nostro cervello ci sono ricordi di fatti che in realtà non abbiamo mai vissuto”, l’altro prende spunto da una frase di Isaac B. Singer, se “Dio è un romanziere, e il suo romanzo è il Mondo” lo scrittore sfida Dio creando un Altro mondo plausibile? La risposta viene lasciata al lettore. Alcuni personaggi sono gli stessi che si incontrano anche nei romanzi di Biondi, quasi che avessero vita propria, perché sognare la vita è un modo di viaggiare in una realtà parallela altrettanto vera. Ironico e divertente, Biondi semina e nasconde richiami e citazioni, come la fontana nell’immagine di copertina, che si trova nello zoo del Bronx a New York City, opera del 1902 di Biagio Catella che, non apprezzata dai comaschi per le eccessive nudità, fu acquistata e donata alla città di New York da William Rockfeller. Tra tanti personaggi di fantasia c’è anche un racconto autobiografico su come è nata nell’autore la passione per la poesia, ma forse potrebbe anche essere il ricordo di un fatto che in realtà non è mai accaduto, a ben pensarci.

 


 

0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER