Libriamoci 2020: l’esperienza di Mangialibri

Articolo di: 

Dal 16 al 21 novembre 2020, con una formula potenziata di attività ibride tra incontri in presenza e in digitale, si è celebrata la settima edizione di Libriamoci - Giornate di lettura nelle scuole, campagna nazionale rivolta alle scuole di ogni ordine e grado in tutta Italia e alle scuole italiane all’estero. L’obiettivo del progetto, promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, attraverso il Centro per il libro e la lettura e dal Ministero dell’Istruzione – Direzione generale per lo Studente, l’Inclusione e l’Orientamento scolastico, è quello di diffondere e accrescere l’amore per i libri e l’abitudine alla lettura, proponendo occasioni originali e coinvolgenti di ascolto e partecipazione attiva. Quest’anno Mangialibri è stato scelto come partner dell’iniziativa e molti dei quasi 100 redattori del sito sui libri più visitato in Italia hanno incontrato virtualmente alcune scolaresche per leggere brani scelti di testi concordati con i docenti. L’iniziativa è stata molto gradita dai ragazzi e anche i redattori di Mangialibri ne sono stati molto soddisfatti. Ecco qualche loro commento entusiasta a conclusione degli incontri.




“Che bellissima esperienza emozionante! I pochi capitoli letti hanno suscitato una serie di domande e riflessioni davvero acuti nei ragazzini di 11 anni che ho incontrato. Hanno una voglia di partecipare alle cose incredibile” ci ha raccontato Carla.

Michela, invece, ci ha descritto così la sua esperienza: “Stamattina dalle 9 alle 10 sono stata ospite dei bimbi della V e della loro maestra Graziella e dalla Sardegna, grazie a un incontro su Google Meet, sono “volata” fino all’Abruzzo, nella Scuola Primaria di Sant’Apollinare - Istituto Comprensivo “G. D’Annunzio” San Vito Chietino. La direttrice e la maestra mi hanno permesso di scegliere il libro da far scoprire ai bambini, così ho scelto una delle storie che tutti i bambini della mia generazione porteranno sempre nel cuore, La storia infinita di Michael Ende. Mentre pensavo a quale libro fosse più adatto mi sono detta: quale storia meglio di questa può mostrare a un bambino la magia di un libro, che ti catapulta in un’altra dimensione e ti consente addirittura di diventare il vero protagonista della storia che stai leggendo? Così li ho portati a conoscere il loro coetaneo Bastiano Baldassarre Bucci e il burbero titolare del polveroso negozio di antiquariato Carlo Corrado Coriandoli, fino al ritrovamento del misterioso libro che narra le avventure del Regno di Fantàsia. Ho chiesto ai bambini di immaginare come fosse fatto un Fuoco Fatuo, o il Mangiapietra, e cosa pensassero fosse il temibile Nulla che minacciava il Regno di Fantàsia... E sentire le loro risposte, vedere quelle piccole testoline che ascoltavano e immaginavano insieme a Bastiano, mi ha fatto tornare per un momento a quando avevo la loro età e ai libri che ho avuto la fortuna di scoprire in biblioteca. Insomma, grazie mille per l’esperienza, è stata unica e interessante, e spero potremo ripeterla in futuro!”

Questo il racconto di un’altra redattrice, Elisa: “Sono stata assegnata a una terza media di Messina e, insieme alla professoressa, abbiamo deciso di approfondire il tema della gentilezza. Per questo, ho letto ai ragazzi due diversi capitoli di Sempre d’amore si tratta di Susanna Casciani. Capitoli ambientati a scuola, in cui si parlava di prese in giro, di problemi di peso, di problemi ad accettarsi, che hanno spinto i ragazzi a una bella riflessione. Sentirsi leggere qualcosa da qualcuno li ha resi entusiasti e, nonostante il frastuono generale, mi hanno sommersa di domande sul libro e su di me. Non so dire quanto rimarrà a loro di queste due ore passate insieme, se davvero qualcuno leggerà di più. Ma, per quanto mi riguarda, so che questa esperienza è stata travolgente e mi ha fatto spegnere la webcam con il cuore un po’ più pieno di quando l’avevo accesa.”

Le parole di Giovanna: “Ho chiamato le insegnanti della Scuola Primaria per avere notizie sulle classi, sui percorsi fatti e sul tema che avevano scelto per Libriamoci 2020, per poterli accontentare al meglio. Gli incontri sono stati sette di un’ora e più ciascuno. Sfruttando la mia esperienza di libraio e dei tanti incontri fatti in libreria con le classi sono andata tranquilla. Ha casa ho una libreria ben fornita, anche di libri pop-up che affascinano sempre i bambini. Le classi prima e seconda sono quelle che hanno più sofferto del lock down, quindi ci è voluta più delicatezza e un po’ di show!!!! Poi ho scelto le letture che sono state approvate molto di buon grado dalle insegnanti prima e dai bambini poi. Ho letto soprattutto pagine di Gianni Rodari - che sono sempre molto apprezzate - ma ho spaziato anche con altri autori che sono piaciuti davvero tanto”.

Per David la lettura (via Google Meet) nella scuola media “Piazza Winckelmann” di Roma ha rappresentato – oltre che un’esperienza emozionante – un nostalgico ritorno alle origini: “Ho scelto di leggere ai ragazzi alcuni racconti di Richard Matheson che hanno contribuito, quando ero solo un ragazzino (secoli fa!), a farmi innamorare della letteratura e di certa letteratura ancora di più. I ragazzi hanno apprezzato molto la mia scelta inconsueta e a fine lettura mi hanno invitato a tornare a trovarli, stavolta in carne e ossa, nella primavera del 2021 per leggere insieme altri racconti del brivido e dell’inconsueto. Ho accettato naturalmente con immenso piacere”.

Incontrare i ragazzi a scuola è stata una esperienza che a noi di Mangialibri è piaciuta tantissimo e che cercheremo certamente di replicare quanto prima.



Escludi Ads Google: 

Pubblicità

 

Pubblicità

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

PUBBLICITÀ

 

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER