Salta al contenuto principale

LMVDM

LMVDM

Una visita dal dottor Controluce - medico caratterizzato da un curioso difetto di pronuncia e da una passione feticistica per i piedi - per trovare un rimedio contro una malattia al pisello. A partire da questo episodio, esilarante e amaro al tempo stesso, inizia un lungo intreccio di ricordi e di storie che toccano diversi momenti della vita dell'autore/protagonista: dai suoi viaggi allucinogeni sotto effetto di acido, rincorrendo i compagni d’avventura sotto le mentite spoglie di un topolino gigante, ai rimorsi per la sua immobilità di bambino di fronte al maniaco che minaccia la sorella in una sera d’estate. A fare da intermezzo ai ricordi in bianco e nero, la storia di una nave pirata con un comandante spietato, che irrompe a più riprese nella narrazione autobiografica con il ritmo di un flashback improvviso e i colori prima cupi della tempesta e poi chiari di un’isola nell’oceano...

Solo pochi riescono a muoverti il cuore. A farti identificare in qualcuno che non sei mai stato. A sciogliere nodi nascosti tenacemente in gola. E tutto questo con una leggerezza profonda, come toccare le cose con la punta delle dita e riceverne una scossa forte. La mia vita disegnata male (ovvero LMVDM) prende spunto dalla vicende autobiografiche di Gipi, al secolo Gianni Pacinotti, figura di spicco del panorama fumettistico italiano già da molti anni, e autore di fumetti originali e intensi. È del tutto inutile provare ad analizzare con le consuete categorie una graphic novel come questa, nella quale l’autore si mette completamente a nudo (in tutti i sensi) di fronte ai lettori. La chiave di lettura non può essere che irrazionale, emotiva. E sin dalle prime pagine viene naturale lasciarsi andare alla voce narrante di Gipi, che ti accompagna nei casini della sua vita, con una grande autoironia e una trasparenza sfacciata. E lo fa così bene che a poco a poco inizi a riconoscere anche i tuoi, di casini. Perché parla di amicizie perdute, di ricordi d’estate, di amori, di musica, di droga, di persone ridicole e persone importanti. In un tempo in cui il voyeurismo viene propinato nei media come unico rimedio per innalzare gli indici di ascolto, il libro di Gipi riesce curiosamente a ribaltare questa prospettiva: leggi la sua vita nei dettagli più intimi e vieni travolto lentamente da mille pensieri. Sulla tua.