Salta al contenuto principale

Losfeld - La terra del dio che danza

Losfeld - La terra del dio che danza
"Dove la Natura s'impone, nelle rocce, nelle acque, nella forza del vento, dove la volontà che ordina non si è ancora imposta o forse neanche può aspirare a farlo, là è il Losfeld". Chi è l'uomo moderno? Un essere che fa della ricchezza del sé e della consapevolezza la sua forza o viceversa un debole che vive di veti incrociati, censure e cesure, blocchi? La risposta è forse nel Losfeld. 'Losfeld' è un termine fiammingo che evoca l’immagine di una natura incontaminata, di un luogo di “assoluta selvatichezza”. Ma Losfeld, nell'accezione di Borla e Foppiani, non è solo un luogo selvaggio, perché anche in paesaggi urbani possiamo trovare isole nelle quali la smania pianificatrice dell'umano si fa meno pressante e non più efficace. E non è solo un luogo (o un non-luogo), perché può essere anche un tempo (o un non-tempo), uno stato dell'anima, una parentesi, una terra di nessuno che si fa sogno, sospensione dell'incredulità. Qui vive il Waldgänger, l'uomo liberato dai vincoli, e qui danza Dioniso, il dio senza freni...
Affrontando temi cari alla filosofia di Jünger e alla psicoanalisi junghiana con un linguaggio immaginifico che mi ha ricordato Nietzsche, i due autori, medici psichiatri torinesi, indagano sul ruolo dell'uomo nella modernità e sulla dicotomia tra istintualità e società. Linguaggio comprensibile e fascinoso, ma concetti impervi, non sempre decifrabili.