Salta al contenuto principale

Luce e tenebra - Dal mondo di Percy Jackson

Luce e tenebra - Dal mondo di Percy Jackson

Per Nico, figlio di Ade, si tratta della decisione più importante della vita. Teme di rovinare tutto. Non fa che continuare a ripetere a Will Solace, il bellissimo figlio di Apollo, che non può, non riesce a scegliere. Intanto Austin Lake, uno dei fratelli di Will, gira avanti e indietro e lo distrae: così non è semplice pensare e prendere una decisione. Alla fine, tuttavia, si esprime. Se dovesse davvero scegliere tra i personaggi di Star Wars, opterebbe per Dart Fener. Austin è felicissimo della scelta, Kayla obietta che sarebbe stato meglio avesse scelto Kylo Ren, mentre Will mugugna che si sarebbe aspettato qualcosa di meno scontato. Quando tuttavia Nico fa notare che Dart Fener a cena toglierebbe l’elmo e guarderebbe dall’altra parte del tavolo con occhi pieni di desiderio, in un vero e proprio gesto romantico, Will scoppia a ridere di gusto. Che gioia, per Nico, fare ridere Will. Per molto tempo ha pensato di non avere un cuore. È figlio di Ade, dopo tutto, e persone come lui sono refrattarie all’amore. Poi, però, è arrivato Will, appunto. Da vero figlio di Apollo, Will irradia energia e luce ed è impossibile resistergli. A Nico non pare vero che, da un anno, lui e Will siano una coppia e stiano insieme: ora i due sono lì, insieme ad Austin e Kayla, nell’anfiteatro del Campo Mezzosangue. Nessun ragazzo del campo è diretto verso la fucina e l’armeria; nessuno è in visita alla Grotta dell’Oracolo. Le capanne sono tutte vuote, a eccezione delle case di Ade e di Apollo, e questo è il segno incontrovertibile che l’estate è finita. A Nico mancheranno tutti, anche se ogni tanto, in quella lunga estate, aver svolto l’incarico da consigliere gli è risultato faticoso. Sicuramente Kayla e Austin gli mancheranno più di altri. I quattro ragazzi, intanto, hanno raggiunto la cima della collina dove, accanto a una pila di borsoni da viaggio e pacchi, c’è Chirone, il direttore delle attività del Campo Mezzosangue. Il centauro – metà uomo e metà cavallo – esorta i ragazzi, ma nessuno ha premura di tornare alla vita normale. Per Nico, normalità corrisponde a profezie, spettri che gli rivolgono la parola, battaglie e tentativo costante di far fronte alla minaccia di sconfitta o, peggio, di morte…

Una vita segnata dal dolore e dalla perdita che trova finalmente una lama di luce che porta all’amore. Questa è la vita di Nico, figlio di Ade, all’inizio del romanzo di Rick Riordan e Mark Oshiro. Will, il figlio di Apollo, è da un anno il suo compagno, il ragazzo che ama e da cui è ricambiato. Ma la felicità, la pace durano il tempo di un sospiro. Qualcuno chiede aiuto ed è tempo per Nico di tornare negli Inferi, là dove già una volta ha rischiato di perdersi per sempre. E l’appoggio di Will, che ha intenzione di accompagnare il suo ragazzo a qualunque costo, è altrettanto pericoloso: come potrà reagire un essere fatto di luce, com’è lui, alla profondità delle tenebre? È un viaggio rischioso, quindi, quello che i due compagni si accingono ad affrontare, un viaggio reale e metaforico che li porta a combattere contro demoni e dei ma, specie per Nico, lo costringerà a confrontarsi con i propri mostri, quelli più pericolosi, perché lo costringeranno al faccia a faccia con la più pericolosa delle figure: se stesso. Riordan e Oshiro – uno dei più famosi autori per ragazzi al mondo il primo e un altrettanto apprezzato scrittore, specie di romanzi young adults, il secondo – uniscono le loro penne, per rendere autentico il diverso punto di vista dei due protagonisti e per meglio rappresentare la loro relazione e raccontano una storia dal ritmo incalzante, in cui con estrema attenzione e con altrettanto garbo vengono affrontati temi importanti, che vanno dall’accettazione dell’altro alla consapevolezza che la vita di ciascuno è fatta di luce e buio, di punti di forza e fragilità che vanno riconosciuti e accettati, non certo temuti o evitati. Il mito classico, elemento fondamentale del romanzo, viene fatto rivivere grazie all’intreccio di storie avvincenti e ricche di pathos, che avvicinano il lettore adolescente a un mondo ricco ed estremamente affascinante. Un mondo che merita di essere conosciuto. Una lettura nata per un pubblico adolescente ma destinata a chiunque sia appassionato al genere; un libro avvincente ed esteticamente bello, impreziosito da una fantastica copertina, opera di Khadijah Khatib.