Salta al contenuto principale

Milano calibro 9

Milano calibro 9

David e Frank Drewer sono due sicari americani che si trovano in trasferta a Milano per un “lavoretto”: devono fare fuori Giordano, un ras della malavita locale che ha fatto uno sgarro di troppo. Ad aiutarli c’è Francesca, una giovane che farà loro da guida nei peggiori bar del capoluogo meneghino a caccia del boss... Un trafficante di veleni sta cenando in un ristorante di Milano quando si accorge di una bellissima ragazza che entra nel locale. Decide quindi di invitarla al suo tavolo e, dopo averla fatta ubriacare, riesca a portarla a casa sua. Grazie all’alto tasso alcolico della giovane, il trafficante riesce a scoprire che in realtà la donna è un’assassina ed è stata incaricata di eliminarlo... Estate 1966. Sette dipendenti della Casa di Cura del Sole vengono ritrovati assassinati. I sospetti ricadono immediatamente su Aureliano e Antonio Arazzi che in passato hanno avuto a che fare con l’istituto... Edouard, Prospero e Louise sono membri del complesso Le Roselline. Nel locale dove si esibiscono irrompe la polizia che arresta tutti per possesso di stupefacenti ai fini dello spaccio ma i tre riescono a scappare. Decidono quindi di introdursi in una pineta, nonostante i vari cartelli che ne proibiscono l’accesso. Le conseguenze della scelta saranno devastanti... Giuditta Maltzer è una giovane circense tedesca. La sua specialità è colpire al galoppo bersagli a una notevole distanza, tenendo l’arma con una mano sola. Un giorno, terminato lo spettacolo, i fratelli Brioschi si introducono nella sua roulotte e la violentano. La donna medita un’atroce vendetta... Luca Baioli, ancora minorenne, commette una sanguinosa rapina nell’emporio sotto casa, uccidendone la proprietaria e ferendo gravemente il figlio di quest’ultima. Viene quindi arrestato e, una volta rilasciato, si mette alla caccia di chi ha fornito alla polizia la soffiata per la sua cattura...

Milano calibro 9, raccolta pubblicata per la prima volta nel 1969, è probabilmente il capolavoro e il libro più celebre del maestro del noir italiano Giorgio Scerbanenco. Sono ventidue racconti, ventidue storie che hanno fondato il genere noir nel nostro Paese. Lo scrittore di origine ucraina le ha confezionate negli stessi anni in cui nasceva il suo celebre personaggio Duca Lamberti e rappresentano, con la loro forza e vividezza di immagini, dei veri e propri archetipi del Male e della letteratura crime che si svilupperà in seguito in Italia. Gli ingredienti sono sempre quelli della violenza, del sesso e del denaro ma mescolati con sapienza per un risultato ogni volta sorprendente e stupefacente. Si tratta di episodi prevalentemente tratti da fatti di cronaca o vicende di mala che Scerbanenco è riuscito a rendere immortali grazie al suo stile inconfondibile. Sullo sfondo costantemente Milano, la grande città del boom economico degli anni Sessanta, con tutte le sue contraddizioni. Da Milano calibro 9 prenderanno spunto capolavori del cinema di genere come il film omonimo, La mala ordina, Liberi armati pericolosi e Spara che ti passa.