Salta al contenuto principale

The Outsiders

The Outsiders

Tulsa, Oklahoma. A Ponyboy piace leggere, piace il cinema, ha buoni voti a scuola, guardare il tramonto lo emoziona. Si potrebbe pensare a lui come ad un Soc, ma Ponyboy è e resterà un Greaser, un ragazzo sbandato dell’East Side. I Soc invece, diminutivo di Social, sono i ragazzi e le ragazze ricche del West Side, quelli che hanno tutto, soldi, belle macchine, case da sogno. Soc e Greaser sono eterni rivali e se una Corvair rossa segue Ponyboy appena uscito dal cinema può significare solo guai: cinque Soc con le camicie a scacchi e un coltello a serramanico in mano lo accerchiano e solo l’intervento del fratello maggiore Darry e dei suoi amici lo salva da una brutta fine. Darry assomiglia molto a suo padre, è un bel ragazzo alto, fa due lavori per potersi permettere di accudire i due fratelli, Ponyboy e Sodapop, il rischio che gli assistenti sociali glieli portino via è sempre alto da quando i genitori sono morti entrambi in un incidente. La loro famiglia vera ora è la banda, Two-Bit Mathews, il più vecchio, Dallas Winston detto Dally, Steve Randle e Johnny Cade, odiato e maltrattato dai genitori, grandi occhi neri da cucciolo e capelli scuri come pece, con tanta brillantina come tutti i Greaser, condannato a comportarsi da duro senza esserlo…

The Outsiders esce per la prima volta negli Stati Uniti nel 1967, edito dalla Viking Press. Susan Eloise Hinton aveva scritto la storia di Ponyboy al liceo ed era iscritta da poco all’università quando è stato pubblicato. Ha raccontato di aver avuto l’intenzione di scrivere una storia che descrivesse nel modo più autentico possibile il clima difficile del liceo, della sua vita da adolescente. E mai avrebbe potuto immaginare che il suo romanzo nel 1983 diventasse un film grazie a Francis Ford Coppola, e che Patrick Swayze, Tom Cruise, Matt Dillon, Rob Lowe, Thomas Howell, Emilio Estevez e Ralph Macchio sarebbero diventati i “suoi ragazzi”. Così come non poteva immaginare che la storia che ha raccontato avrebbe incantato generazioni di adolescenti che si sono immedesimati nell’uno o nell’altro personaggio, vivendo l’atmosfera di una guerriglia urbana senza quartiere tra chi è fortunato dalla nascita e che deve conquistarsi ogni cosa. Un romanzo sempre attuale, che festeggia i suoi cinquant’anni (che non dimostra affatto!) con questa nuova edizione.