Salta al contenuto principale

Paco Cuor di Porcello e i minuscoli mostri

pacocuordiporcello

Paco Cuor di Porcello è l’eroe del villaggio perché riesce a far scappare i mostri che vogliono spaventare i bambini, solo che non lo fa con la spada e l’armatura, ma grazie ad un sistema alquanto originale: Paco infatti non si lava mai! In questo modo riesce a far fuggire a gambe levate mostri pelosi, giganti e persino mostri molto forti utilizzando il suo fiato pestifero, l’ascella supersudata e l’irresistibile puzzo di piedi. Un giorno però il porcello si ammala e non riesce più a spaventare nessuno, perciò è costretto a farsi aiutare dalla fata Bollicina, “una fata piccolissima che risolve grandissimi problemi”, che gli spiega che dei mostri invisibili ma molto potenti che si chiamano Virus, Germi e Batteri gli hanno fatto un incantesimo e che per liberarsene deve “mangiare frutta e verdura, lavarti bene bene le zampe e ogni tanto… fatti un bagno!”. Adesso Paco sa come difendersi da questi minuscoli mostri, e invece con gli altri mostri, quale arma utilizzerà adesso che anche lui profuma di pulito?

La pandemia che ha colpito il mondo in questi ultimi due anni è entrata anche nei libri per bambini e forse è giusto così, perché il libro è uno strumento versatile ed al passo con i tempi. Ciò che conta è il linguaggio utilizzato ed in questo caso l’autore, che è anche l’illustratore della storia, racconta la lotta contro un virus temibile ancorché invisibile attraverso un protagonista, il maiale, che è noto per non essere particolarmente pulito e dunque risulta assai simpatico ai bambini lettori, anche piccoli. Un eroe normale, insomma, che fa delle sue caratteristiche odorose la sua arma vincente, ma che deve anche imparare a difendersi da nuovi mostri. Grandi disegni colorati, pagine che alternano sfondi bianchi a sfondi colorati, mostri spaventosi dall’aspetto in fondo simpatico sono gli ingredienti di questo libro, adatto a partire dai quattro/cinque anni. Simone Frasca scrive per l’infanzia da molti anni e all’attività di scrittore affianca quella di consulente per progetti di pubblica utilità.