Salta al contenuto principale

Piccole donne

Piccole donne Disney

In un piccolo paese di campagna vivono quattro cugine: Meg - la più grande – è spigliata e socievole, Jo ha un carattere impulsivo ed è considerata da tutti il maschiaccio della famiglia, Beth è la più timida di tutte e Amy – assai dispettosa - è piena di talenti. Le ragazze vivono vicine, sotto lo sguardo amorevole di nonna March, una nonna preziosa che le incoraggia a coltivare i loro sogni, a seguire le loro passioni. Che non sono poche: se Meg ama gli abiti eleganti, è molto romantica, desidera trovare il grande amore e vivere una vita tranquilla con lui, Jo ama i libri più di ogni cosa, perciò ogni giorno si chiude in soffitta e passa ore là da sola a leggere e scrivere racconti, sperando che un giorno qualcuno li pubblichi. Beth dal canto suo suona divinamente il pianoforte e Amy sa dipingere molto bene. Normale che delle ragazze così talentuose e affascinanti abbiano dei pretendenti. Tra questi il giovane gentiluomo di nome John Brooke e Laurie, il nipote del ricco Mr. Laurence, vicino di casa delle cugine March. I due una sera invitano Meg e Jo a teatro. Amy, gelosa e seccata, si vendica strappando in mille pezzi i fogli con i racconti di Jo. Quando la ragazza lo scopre, di ritorno dal teatro, costringe Amy a incollare tutte le pagine strappate: Amy capisce di aver sbagliato ma Jo non ha nessuna intenzione di perdonarla. L’occasione per fare pace giunge qualche giorno dopo in occasione di un drammatico incidente: Laurie ha invitato Jo a pattinare sul vicino lago ghiacciato, Amy li segue ma il ghiaccio si spezza e la ragazza cade nell’acqua gelida…

La versione disneyana dei classici di Louisa May Alcott Piccole donne e Piccole donne crescono sceneggiata da Tea Orsi con i disegni dello Studio Goodname, è una storia molto elegante e garbata che sottolinea ancora una volta come queste opere siano ancora attuali. Le protagoniste con le loro forti personalità combattono per i propri ideali e compiono scelte coraggiose contro i modelli imposti dalla società ottocentesca in cui vivono. Nella storia particolare attenzione viene data al disegno degli abiti e degli ambienti. Nel volume è presente anche la vera e propria parodia (nel solco della grande tradizione della Disney italiana) Piccole grandi papere (protagoniste Nonna Papera, Paperina, Brigitta, Miss Paperett e Paperetta Yè-Yè, affiancate da interpreti d’eccezione come Paperino e Zio Paperone), sceneggiatura di Marco Bosco e disegni di Silvia Ziche, uscita per la prima volta in quattro puntate nel 2018, nei numeri di “Topolino” dal 3267 al 3270: quattro parti frizzanti, moderne, ironiche che fanno da perfetto contraltare ai ritmi compassati della prima parte del libro, che grazie a questo contrasto è davvero imperdibile.