Salta al contenuto principale

Roma terribile

Roma terribile

Si parte da una prima, bizzarra vicenda ambientata al famigerato Laghetto dell’Eur. C’è una tizia che ne se sta bella tranquilla, distesa su una barchetta, a prendere il sole; è tutta rilassata e addirittura ha quasi voglia di remare. Il suo compagno non fa una piega: “No, non sono stanco. Devo parlarti, è un po’ che mi sento strano”, stacco. Vediamo tutto dall’alto. Silenzio. Lui sembra vagamente Jabba The Hutt; in realtà è un cuore. In senso stretto: un cuore abnorme, antropoide, con le braccia e le manine, e niente, dice che si sente come oppresso, tipo, annoiato, come se avesse bisogno di tutto un altro ritmo, no?, di uno spazio differente. E lei, un po’ stupita: “Più spazio di così? Siamo al lago, non ci vediamo da quanto? Dieci giorni?”. Torniamo a vedere la scena. Il cuore antropoide che somiglia vagamente a Jabba continua nella sua improbabile imbastita: “Non so, Olivia, sento che mi hai inserito in una progettualità che forse non collima con la mia volontà di vivere il momento”, e via dicendo. L’epilogo è un segreto. E poi “Cigni! Cigni! Cigni! Venite, belli...”. E poi passiamo a un’altra storia, stavolta ce ne stiamo dalle parti di Piramide. C’è un giardiniere, o forse è un addetto alle pulizie, vai a capire, che sta vagando per il Cimitero Protestante, dalle parti delle tombe di Gramsci, di Keats e Shelley. Intorno a lui non c’è un’anima viva (eh). Ci sono invece tre strane sacerdotesse, con un insolito cappello a punta. “Ve l’ho detto, ho fatto richiesta di cambio di culto già un mese fa: ora posso averlo un gatto, sì o no?”. Silenzio. Osserviamo la scena da una discreta distanza. Mastichiamo la pace del Cimitero Acattolico. Una delle tre sacerdotesse sta allattando un gattino; due cuccioli stanno alle sue spalle, in attesa di coccole (chissà). Adesso che guardo bene il suo cappello noto che ha le orecchie da gatto e degli occhi felini, posticci. Così le altre due sacerdotesse. Stanno là in piedi, le altre due, ieratiche, e non sentono ragioni: niente. Gattare totali universali. Irremovibili. “Da noi risulta che lei è ancora affiliato al culto di Ganesh. Per noi è un eretico. Pertanto lei non è degno di possedere un gatto”. E niente: il giardiniere, o forse era un addetto alle pulizie, vai a sapere, rimane malissimo ed esce da là, e punta Porta san Paolo, alza lo sguardo al cielo come per domandare sostegno, e... piovono rane. Parecchie. Stanno in anticipo: erano previste per le cinque, ma...

Nove racconti illustrati scritti da Eleonora Amianto e Simone Tso, originariamente apparsi sulla rivista «Zero», destinati a raccontare Roma coi canoni giusti, “ovvero quelli sbagliati”, per dirla con le parole del caporedattore della rivista, Nicola Gerundino: perché Roma è un cut-up. “Un cut-up sbagliato, sconclusionato, incasinato, rumoroso. Un ammucchiarsi di cose talmente continuo e vorticoso da diventare lisergico. Non parlo solo di strade e architetture, ma anche di vite, di persone. Tutto a cazzo, sempre”. Eleonora Amianto e Simone Tso volevano raccontare una Roma “cattivissima e dissacrante”, assurda (più assurda di quella che viviamo, sì) e spietata (davvero). Lunatico, alogico, imprevedibile e improbabile, Roma Terribile è un giocattolo d’autore: un esperimento buffo, onirico e strampalato. Amaro e mattoide, caustico e oscuro, esorcizza le nevrosi, le paranoie, le sofferenze e le assurdità della vita nella metamorfica e ormai spesso illeggibile Urbe tingendola di fantasie parossistiche e superbo cazzeggio. Qua e là si intravedono tracce di profonda umanità, di sentimenti feriti e di abbandoni, di respingimenti e di rifiuti: tutto è stato perdonato (si fa per dire), perché tutto è stato estetizzato; inutile robotizzarci o automatizzarci, resteremo umani. Siamo amabili sbagli, crediamo nelle imperfezioni e nelle inesattezze, sproloquiamo, etc. L’edizione, una Bizzarro Books (marchio della Red Star Press), mi ha riportato, per l’estetica e per la concezione delle strisce, a certe letture fumettare degli anni Settanta e Ottanta, basilari sia per le (due) generazioni precedenti, sia per la mia, ex marmocchio nato nell’anno dei tre papi; questa è un’impostazione derivata da quando i fumetti uscivano a puntate sui quotidiani (cartacei), o su certe riviste; sapevano essere laconici e brucianti, corrosivi e immediati. Più di tutto, mi ha emozionato questa libertà creativa, così inconsueta in questi anni di depressione e di demotivazione diffusa (forse siamo riusciti a lasciare un po’ di respiro e di fantasia almeno ai nostri amati fumettari. Non ditelo a nessuno). Qualche cenno biobibliografico sugli artisti. Eleonora Amianto è il nome d’arte di Eleonora Susanna; cantante lirica, bassista e fumettara. Ha pubblicato racconti su diverse riviste. Simone Tso è lo pseudonimo di Simone Montozzi; altrettanto bassista, è grafico e illustratore. La sua prima graphic novel, Arca, è stata pubblicata da Rizzoli Lizard.